«In Cecenia violenza e illegalità, l’Europa può fermare la guerra»

Posted on in Europa e oltre 12 vedi

Parla Umar Khambiev, ministro della Sanità del governo ceceno in esilio, in Italia per promuovere il piano di pace di Aslan Maskhadov«In Cecenia violenza e illegalità, l'Europa può fermare la guerra» Sullo schermo scorrono le immagini di una Cecenia che non è quella «pacificata» presentata da Putin. Prigionieri torturati, uccisi, il racconto atroce dei superstiti scampati grazie alle migliaia di dollari che le famiglie hanno pagato ai soldati russi: l'inchiesta di Mylene Sauloy, andata in onda su un canale francese e su pochi altri, fotogrammi che in Italia non hanno spazio in tv. Umar Khambiev, ministro della sanità del governo ceceno in esilio, esce dalla sala della sede del Partito radicale a Roma per non vedere di nuovo, dice, un calvario per il quale lui stesso è passato. «Tutti sanno quello che succede in Cecenia, ma non vogliono occuparsene. Eppure l'Europa potrebbe tutto, potrebbe fermare quella guerra che contribuisce ad allontare la Russia dal resto del continente e che indebolisce la democrazia>, dice Khambiev, in Italia per promuovere il piano di pace proposto dal presidente Aslan Maskhadov e per organizzare aiuti umanitari: «Ci sono17.000 bambini ceceni che hanno bisogno di essere curati. Ma per poterlo fare serve prima la pace».Che cosa è cambiato dopo la tragedia di Beslan? Il progetto politico del governo in esilio non finisce per essere confuso con l'azione dei terroristi?«C'è questo problema. Fatti come quelli del teatro Dubrovka o il sequestro di Beslan nuocciono soprattutto alla nostra causa.Già prima di queste due tragedie il presidente Maskhadov avvertiva che non avremmo avuto attenzione internazionale ricorrendo agli stessi metodi dei russi, vale a dire metodi terroristici.Per questo abbiamo sospetti su Beslan e stiamo conducendo un'inchiesta. Siamo convinti che esistano legami tra i servizi segreti russi e il commando che ha agito nella scuola: tra i terroristi c'erano infatti persone che avrebbero dovuto essere in carcere e che sono state misteriosamente liberate. Quando abbiamo fatto circolare la notizia la Procura russa e l'Fsb (i servizi russi, ndr) si sono rinfacciati reciprocamente la responsabilità. Maskhadov si era anche offerto di mediare per far liberare gli ostaggi, ma nessuno gli ha dato ascolto. Purtroppo la tragedia di Beslan non sarà l'ultima».Prevede nuovi attacchi contro civili?«I servizi russi lavorano per rafforzare il potere di Putin. So per certo che gli uomini di Kadyrov (il figlio del presidente ceceno filorusso ucciso, ndr) si stanno concentrando in Ossezia del sud. Presto Mosca sosterrà che i terroristi sono in Georgia e agirà di conseguenza. Per questo è urgente trovare una soluzione per la Cecenia, perché la simbiosi tra servizi e terrorismo sta provocando l'esportazione del conflitto in tutto il Caucaso». Che cosa chiede il governo in esilio?«E molto semplice. La fine del conflitto, la creazione di un Tribunale internazionale per giudicare i crimini di guerra – anche quelli commessi da Shamil Basayev. E soprattutto l'attuazione di un piano di due tragedie il presidente Maskhadov avvertiva che pace, con la creazione di un'amministrazione internon avremmo avuto attenzione internazionale ricor- nazionale garantita dalla comunità internazionale.Non ci sono altre vie d'uscita>.Che cosa può fare l'Europa?«Tutto, assolutamente tutto. Ha i mezzi per fare tutta la pressione necessaria. Intanto potrebbe mettere da parte l'ipocrisia e dire quello che pensa: se l'avesse fatto, la guerra sarebbe già finita, a dare pacche sulla spalla a Putin non si ottiene nulla. Perché se continueranno le ingiustizie e le violenze, il clima di assoluta illegalità che regna in Cecenia, il terrorismo ci sarà sempre e non ci sarà repressione sufficiente a fermarlo. Ucciso un Basayev, ce ne sarà un altro, la Russia recluterà qualcun altro che le torna utile. La comunità internazionale può invece farsi garante di un processo di pace».Una pace che deve sfociare nell'indipendenza?«L'indipendenza di per sé non è un fine, non poniamo in astratto un problema di status. Va bene anche l'autonomia purché sia garantita in pieno. Ci fanno sempre l'esempio del Tatarstan, come possibile soluzione. Ma oggi vediamo che il Tatarstan è stato privato d'autorità della sua autonomia da Putin, dall'oggi al domani. Ecco noi vorremmo essere al riparo da un simile rischio, E solo la garanzia internazionale può aiutarci.L’Unità p,918/10/2004di Marina Mastroluca

Questo messaggio è stato modificato da: Carlotta.Caporilli, 18 Ott 2004 – 12:22 [addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.