Il Vangelo in mp3, per insegnare l’inglese alle comunità vietnamite.

Posted on in Politica e lingue 15 vedi

Il Vangelo in mp3, per insegnare l’inglese alle comunità vietnamite

Il progetto è stato lanciato dai missionari clarettiani filippini, presenti sul territorio sin dal 2002, che per migliorare la comprensione della lingua hanno registrato e diffuso su disco il Vangelo quotidiano.
Il governo “non ostile” al progetto.

Ho Chi Minh City – I missionari clarettiani filippini in Vietnam hanno lanciato un nuovo, innovativo progetto: brani del Vangelo in formato mp3, registrati in lingua inglese, con cui facilitare l’insegnamento della lingua alle varie comunità. Uno dei promotori, p. Angelito Ancla, spiega ad AsiaNews che “sono moltissimi i vietnamiti che vogliono imparare l’inglese, ma hanno grosse difficoltà nella pronuncia e nella comprensione della lingua”. Il progetto è stato chiamato “Il Vangelo quotidiano in mp3” ed è stato lanciato prima dello scorso Capodanno lunare, celebrato il 13 febbraio scorso. I fondi sono stati stanziati dai clarettiani, ma anche ai padri del Sacro Cuore e dai salesiani, che hanno fornito gratuitamente l’uso dei loro studi di registrazione. Anche moltissimi vietnamiti all’estero hanno contribuito con delle donazioni. Per il momento, spiega p. Ancla, il governo non si è mostrato ostile al progetto: “Oltre al formato audio, abbiamo pubblicato il Vangelo su carta stampata negli ultimi tre anni, senza avere problemi. Come clarettiani, siamo qui dal 2002, e cerchiamo il più possibile di mantenere buoni rapporti con il governo”. Negli ultimi cinque anni, circa 20 congregazioni missionarie sono riuscite a stabilirsi nel Paese. Qui, mantengono il più possibile i contatti: “Ci incontriamo una volta al mese, tutti insieme, per pregare e scambiarci esperienze di missione. E’ una comunità allargata meravigliosa, dove i diversi carismi si uniscono nell’unica missione, quella di Cristo”.

di Santosh Digal

da www.asianews.it

28/08/07

[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.