Il Pannello Ispettivo della Banca Mondiale: una risorsa per i danneggiati.
Che cosa fa il Pannello Ispettivo della Banca mondiale
Il Panello Ispettivo (Inspection Panel) della Banca Mondiale, nel momento in cui viene richiesto il suo intervento (anche da parte di due sole persone e in qualsiasi lingua), è chiamato a verificare che la Banca Mondiale, nelle varie fasi di programmazione, preparazione ed esecuzione dei progetti da essa finanziata, operi nel rispetto delle politiche operative e delle regole procedurali conseguenti a principi e regole che la Banca stessa si è impegnata a rispettare nell’esercizio delle sue funzioni istituzionali.
Essi devono essere volti a garantire la solidità economica, finanziaria, sociale e ambientale delle sue operazioni e documentate nel “Manual de Operaciones del Banco”. Pertanto, i privati che ritengano di aver subito ma anche che ritengono di poter subire direttamente e sotto diversi profili, una lesione di un proprio interesse, come conseguenza di una azione o omissione della Banca non conforme alle predette politiche e/o regole procedurali, possono sollecitare una indagine del Panello. In altri termini, il Panello costituisce un “ponte” tra il Banco e coloro che potrebbero subire un pregiudizio dai progetti finanziati dalla Banca.
L’attività investigativa del Panel può essere sollecitata solo dopo aver sottoposto la questione al Management della Banca e laddove il richiedente ritenga che la soluzione prospettata dal Management non sia soddisfacente. Il Pannello Ispettivo viene istituito il 22 settembre 1993 dai Direttori Esecutivi della Banca Internazionale della Ricostruzione e Sviluppo (International Bank for Reconstruction and Development, IBRD) e dall’Associazione Internazionale di Sviluppo (International Development Association, IDA) rispettivamente con risoluzione n. 93-10 e 93-6, a seguito di numerosi scandali che hanno visto coinvolta la Banca Mondiale in finanziamenti di progetti che, oltre a danneggiare l’ambiente e i luoghi interessati agli interventi, compromettevano la sopravvivenza dei popoli indigeni ivi insidiati.
E’ composto da tre membri nominati dal Board per un periodo di cinque anni e non sono rieleggibili. La richiesta d'ispezione può essere presentata anche da sole due persone che ritengano leso, anche solo potenzialmente, un proprio comune interesse.
Il Panel compie un esame preliminare della richiesta di ispezione e della risposta già formulata dall’Amministrazione e, previa autorizzazione del Board, procede alla fase di controllo. Al termine dell’attività istituzionale, il Panel redigerà un'Informativa nella quale illustra le proprie conclusioni circa la fondatezza della denuncia e, quindi, della violazione o meno da parte della Banca delle politiche e regole procedurali lamentate dai richiedenti.
L’informativa viene trasmessa ai Direttori Esecutivi nonché al Presidente della Banca Mondiale.
Entro 6 settimane dal ricevimento dell’informativa, l’Amministrazione deve presentare ai Direttori Esecutivi una propria informativa nella quale espone le proprie raccomandazioni in risposta alle conclusioni del Pannello, che a sua volta trasmetterà l'informativa dell’Amministrazione ai richiedenti.
Entro le successive 2 settimane, dal ricevimento dell’informativa del Panello e della risposta dell’Amministrazione, la Banca Mondiale comunicherà ai privati i risultati dell’investigazione e le eventuali misure che i Direttori hanno deciso di adottare.
[addsig]



0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.