“Il Libro del Giorno”- Affrontare il conflitto. Trascendere e trasformare Galtung Johan

Galtung Johan

 

E’ riconosciuto come il fondatore dei moderni studi sulla pace. Nato a Oslo nel 1930, sperimentò da bambino gli orrori dell’occupazione nazista in Norvegia e la deportazione di suo padre in un campo di concentramento. Tali eventi lo impressionarono fortemente e lo spinsero ad abbracciare i principi della nonviolenza del Mahatma Gandhi, che mise subito in pratica attraverso l’obiezione di coscienza, che gli costò sei mesi di carcere. Dopo le lauree in matematica e sociologia all’Università di Oslo ha insegnato sociologia e metodologia della ricerca alla Columbia University.
Riconosciuto a livello mondiale come il fondatore dei moderni studi per la pace e per la fondazione scientifica degli stessi, aggiunge alla competenza scientifica una grande esperienza come consulente e mediatore nell’ambito dei conflitti internazionali (Israele-Palestina, ex Jugoslavia, Cecenia, area dei Grandi Laghi in Africa, Colombia, Birmania, ecc.).
E’ stato consulente di oltre dieci diverse agenzie e organismi delle Nazioni Unite all’interno di progetti e programmi in aree di crisi in diverse parti del mondo.
Rettore dell’Université nouvelle transnationale di Parigi, ha fondato nel 1959 l’International Peace Research Institute di Oslo, è stato professore di Ricerca sulla pace e i conflitti all’università di Oslo e consigliere presso le Nazioni Unite. Ha lavorato sui problemi dello sviluppo presso l’Iued di Ginevra. È professore onorario della Freie Universität Berlin, dell’Universidad de Alicante e della Princeton University, e membro del Berghof Stiftung di Berlino, del Geneva International Peace Research Institute, dell’Österreichisches Friedenforschungsinstitut e del Peace Research Institute di Alicante. E’ stato professore a contratto in più di 40 università in tutto il mondo. Ha dato vita al Journal of Peace Research e al Bullettin af Peace Proposals. Attualmente è professore di Peace Studies presso l’Università delle Hawaii.

 

 

Affrontare il conflitto. Trascendere e trasformare

 

Il libro è la traduzione italiana di un volume che ha avuto un notevole successo internazionale, ed è stato tradotto in numerose lingue. Il manuale tratta il problema di affrontare i conflitti, suggerendo il metodo della trasformazione. Il metodo è caratteristico dell’autore, che per applicarlo ha anche fondato una organizzazione didattica denominata Trascend, costituita come una rete internazionale. Il testo si differenzia dagli altri già presenti per una trattazione analitica e accurata degli stessi conflitti, intesi come originati da una contraddizione, che suscita la ricerca di obiettivi non raggiungibili, con l’esito di favorire l’intervento della violenza. La semplicità dell’approccio usato è tale da spostare l’interesse del libro dagli specialisti e studiosi a quanti si vogliono interessare di una problematica generale attraverso le forme più moderne sviluppate per affrontarli. E’ rivolto a studenti ed insegnanti in primo luogo, ma anche ad operatori sociali e categorie come coppie, genitori, insegnanti, operatori economici, membri di enti locali. Il libro si presenta come manuale esemplificante un corso di addestramento di una settimana; gli stessi capitoli hanno il nome di ogni giorno, ad semplificare la scansione temporale. Da lunedì a giovedì tratta dei micro-conflitti tra persone, meso-conflitti tra società, macro conflitti tra stati, mega-conflitti tra regioni o civiltà. Da venerdì passa ad esaminare quanto sta nel profondo di cultura, comportamento e struttura; sabato le grandi forze umane disponibili: creatività, dialogo, negoziazione; domenica, infine, analizza i vantaggi del metodo proposto, con le limitazioni richiesta a quanti agiscono nella società. Non smentisce l’intenzione di essere un testo di pratica; la parte culturale viene esposta come intreccio alle proposte di azione. J. Galtung è oggi l’autore che ha maggiore esperienza internazionale negli studi per la pace; è consulente ONU.

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.