Arrecare nocumento. Attergare.

Posted on in Parlar chiaro 18 vedi

Arrecare nocumento? Meglio “danenggiare”

“Attergare”? Meglio “scrivere sul retro”

{mp3}parlarchiaro4{/mp3}

Arrecare nocumento? Meglio “danenggiare”

LO SVOLGIMENTO, DA PARTE DI UN IMPIEGATO DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, DELLE MANSIONI DI DIRIGENTE DI SEGRETERIA, DA’ DIRITTO ALLE DIFFERENZE DI RETRIBUZIONE – In base all’art. 36 Cost. (Cassazione Sezione Lavoro n. 20976 del 12 ottobre 2011, Pres. Foglia, Rel. Berrino).

[…]

La Suprema Corte (Sezione Lavoro n. 20976 del 12 ottobre 2011, Pres. Foglia, Rel. Berrino) ha rigettato il ricorso. La Corte di merito è partita dalla constatazione che a seguito di sollecitazione del Procuratore generale alla nomina di un nuovo funzionario delegato per la gestione delle spese di giustizia, stante il trasferimento del dirigente nominato, il Ministero provvide a nominare Rosanna A. con la indicazione di “Dirigente segreteria Procura generale Corte appello di Trento”, finendo, in tal modo col prendere atto dello svolgimento delle mansioni dirigenziali già espletate in via di fatto dalla medesima dipendente, così come attestato nella nota del Procuratore Generale; da ciò è poi giunta alla conclusione che il mancato conferimento di obiettivi era addebitabile esclusivamente all’amministrazione, senza che ciò potesse arrecare nocumento alla lavoratrice, la quale aveva di fatto svolto con carattere di prevalenza le mansioni di dirigente dell’ufficio affidatele, maturando il diritto a conseguire le relative differenze retributive.

fonte: Legge e Giustizia

Arrecare nocumento? Meglio “danenggiare”

LO SVOLGIMENTO, DA PARTE DI UN IMPIEGATO DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, DELLE MANSIONI DI DIRIGENTE DI SEGRETERIA, DA’ DIRITTO ALLE DIFFERENZE DI RETRIBUZIONE – In base all’art. 36 Cost. (Cassazione Sezione Lavoro n. 20976 del 12 ottobre 2011, Pres. Foglia, Rel. Berrino).

[…]

La Suprema Corte (Sezione Lavoro n. 20976 del 12 ottobre 2011, Pres. Foglia, Rel. Berrino) ha rigettato il ricorso. La Corte di merito è partita dalla constatazione che a seguito di sollecitazione del Procuratore generale alla nomina di un nuovo funzionario delegato per la gestione delle spese di giustizia, stante il trasferimento del dirigente nominato, il Ministero provvide a nominare Rosanna A. con la indicazione di “Dirigente segreteria Procura generale Corte appello di Trento”, finendo, in tal modo col prendere atto dello svolgimento delle mansioni dirigenziali già espletate in via di fatto dalla medesima dipendente, così come attestato nella nota del Procuratore Generale; da ciò è poi giunta alla conclusione che il mancato conferimento di obiettivi era addebitabile esclusivamente all’amministrazione, senza che ciò potesse arrecare nocumento alla lavoratrice, la quale aveva di fatto svolto con carattere di prevalenza le mansioni di dirigente dell’ufficio affidatele, maturando il diritto a conseguire le relative differenze retributive.

fonte: Legge e Giustizia

 

Soprassiedo su altre espressioni brutte, o inutilmente opache, che avrebbero potuto essere sostituite (su tutte: il carattere di prevalenza e il «diritto a conseguire le relative differenze retributive») e mi concentro su arrecare nocumento. Consiglierei senz’altro arrecare (o recaredanno. A meno di non voler intervenire in modo più deciso sulla locuzione verbale, trasformando quell’arrecare nocumento (a qualcuno) in danneggiare (qualcuno).

 


 

 

“Attergare”? Meglio “scrivere sul retro”

 

 

LA GIUNTA COMUNALE

[…]

Vista la Legge 26/05 di conversione, con modificazioni, del DL 314/04, con la quale è stato prorogato al 31 marzo 2005 il termine per la deliberazione del bilancio di previsione per l’anno 2005 da parte degli enti locali;

[…]

Visto il parere di regolarità contabile e di copertura finanziaria come attergato al presente atto;

Ad unanimità di voti legalmente espressi,

DELIBERA

Vedi fonte.  

 

Attergato e attergare sono due autentici orrori del burocratese, sui quali si sono ripetutamente abbattute critiche. C’è chi ha proposto di sostituirli con scritto dietro il documentoscrivere dietro il documento, che sono però incompiuti stilistici. Meglio optare per più eleganti scritto sul retroscrivere sul retro oppure, se si vuol prendere una strada diversa, quella che sposa alla chiarezza la concisione, per retroscritto e, perché no, retroscrivere. Attenzione, naturalmente, agli eventuali cambi preposizionali: «attergato al presente atto» diventerà «retroscritto al presente atto» ma «scritto sul retro del presente atto».

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.