I popoli indigeni del mondo non potranno più essere cacciati dalle loro terre”

Posted on in L'ERA comunica 2 vedi

ONU: I popoli indigeni del mondo non potranno più essere cacciati dalle loro terre. Ma 4 grandi democrazie hanno votato contro.

Dichiarazione di Giorgio Pagano, Segretario dell’associazione radicale “Esperanto”, sull’approvazione all’ONU della Dichiarazione sui diritti dei popoli indigeni.

“Finalmente, dopo oltre vent’anni di dibattito, è stata approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite la Dichiarazione sui Diritti dei Popoli Indigeni, riconoscendo i diritti dei popoli indigeni alla

proprietà della loro terra e sancendo il diritto delle popolazioni autoctone ll’identità, alla lingua, alla formazione e al mantenimento delle proprie tradizioni. E’ una Dichiarazione d’assoluto rilievo perché i popoli tribali di tutto il mondo potranno godere dei loro diritti senza il rischio di essere cacciati dalle loro terre. E’ una grande conquista anche per i nostri amici Montagnard di cui, come Radicali, seguiamo le sorti da anni.

Trovo assolutamente singolare che proprio quattro grandi democrazie a capitalismo avanzato, quali Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda, abbiano votato contro”.

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.