I nazionalismi ignoranti contro l’italiana Fiume.

Posted on in Politica e lingue 23 vedi

I nazionalismi ignoranti contro l’italiana Fiume.

di Gian Antonio Stella.

I nazionalisti dell’Heimatbund, la lega patriottica sudtirolese che vorrebbero cambiar nome a «via Fiume» a Bolzano perché «indissolubilmente legato al fascismo», non hanno mai sentito nominare l’olandese Joan Blaeu. Fu uno dei più grandi cartografi di tutti i tempi e nel 1635 pubblicò col fratello Comelius, nella scia del padre Willem, il “Theatrum orbis terrarum, sive, Atlas novus”, poi ampliato fino a comprendere 594 carte in n volumi che, come spiega libri.it, «riproducevano l’intero mondo conosciuto dagli europei della prima età moderna». Vadano sul web, quegli amici di Eva Klotz, e cerchino dunque la mappa dell’Istria del grandissimo cartografo. E vedranno che vicino a Fiume vengono citati toponimi slavi come Moskanitz, Cosliac, Dumkovriz. Ma, piaccia o no ai fanatici e al loro Obmann Roland Lang autore del comunicato in cui si spinge a dire che non c’è una mappa col toponimo Fiume (sic), Joan Blaeu chiama Fiume Fiume. Quasi tre secoli prima della cosiddetta «impresa» di Gabriele D`Annunzio de11919. Altro che città croata da chiamare col nome croato o «col nome tedesco St.Veit am Flaum». E Fiume è chiamata Fiume, anche se l’ignorantello Obmann lo ignora, anche nelle mappe tedesche del settecento e dell’ottocento. Come quella edita da Carl Flemming di Glogau intitolata “Karnthen, Krain, Gorz-Gradisea, Istrien, Triest” dove non solo le regioni (Carinzia, Carniola, Gorizia-Gradisca, Istria…) sono in tedesco ma sono in tedesco tutte le indicazioni compreso l’«Adriatische meer» ma non Lussin Piccolo, non l’isola di Pago, non Rovigno, non Parenzo o Cittanova o appunto Fiume. Perché, pur essendo dal 1779 sotto l’Impero austroungarico, gli austriaci non fanatici e non incolti come oggi quelli di Heimatbund sapevano perfettamente che Fiume era di cultura, tradizioni e lingua a larga maggioranza italiana. Ed è una mappa del 1855: 8 anni prima che D’Annunzio nascesse, altro che nome «inquinato» da «precursori del fascismo»… Oltre mezzo secolo dopo quella mappa, del resto, il censimento austriaco (austriaco!) del 1918 avrebbe certificato che «prima» (prima!) della «impresa» dannunziana e della Marcia su Roma, c’erano a Fiume (così chiamata: Fiume) 28.911 italiani, 9.092 croati, 161 serbi, 1616 tedeschi, 4.431 ungheresi, 1674 sloveni, 379 «altri». Insomma: quella italiana era oltre il triplo della seconda etnia presente. Questi sono i fatti. Il resto sono solo ciacole di nazionalisti da osteria. Troppa birra.
(Dal Corriere della Sera, 6/7/2016).

{donate}

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.