I deputati spingono i ministri UE ad adottare la Garanzia per i giovani

Posted on in Europa e oltre 15 vedi

Il sistema della "Garanzia per i giovani", disegnato affinché nessun giovane nell'UE rimanga senza un lavoro, un percorso d'istruzione o un tirocinio per più di quattro mesi, ha ricevuto il forte sostegno del Parlamento mercoledì. I deputati hanno votato una risoluzione che invita i ministri del lavoro dell'UE a trovare un accordo – entro febbraio – su una raccomandazione del Consiglio che preveda l'introduzione di questo sistema in tutti gli Stati membri.

"Non cerchiamo di forzare la creazione di posti di lavoro, ma di mettere in moto degli strumenti che diano ai giovani una possibilità ed evitino di perdere una generazione", ha detto la presidente della commissione occupazione Prevenche Berès (S&D, FR), nel dibattito di lunedì.

L'obiettivo dei sistemi di "garanzia per i giovani", si legge nella risoluzione, è assicurare a tutti i cittadini legalmente residenti nell'UE sotto i 25 anni di età e ai neolaureati under-30 una buona offerta di lavoro, un nuovo percorso di studi o un periodo di apprendistato entro quattro mesi dall'inizio della disoccupazione.

La risoluzione è stata adottata con 546 voti a favore, 96 contrari e 28 astensioni.

L'introduzione della garanzia in tutti gli Stati membri

Il Parlamento ha già richiesto due volte l'adozione di questi sistemi e sostiene fermamente la proposta della Commissione europea per una raccomandazione del Consiglio per introdurre questi sistemi in tutti gli Stati membri.

Finanziamenti europei

I sistemi di garanzia per i giovani, sostengono i deputati, dovrebbero poter accedere ai finanziamenti europei, in particolare al Fondo sociale europeo (FSE), su cui si dovrebbe quindi concentrare il 25% dei fondi strutturali dell'UE.

Il Parlamento richiede inoltre alla Commissione di aiutare quegli Stati membri in difficoltà economiche, affinché tutti possano adottare la garanzia.

Disoccupazione giovanile

La disoccupazione giovanile nell'UE ha raggiunto una media del 23,7% nel novembre 2012. In Italia, il tasso dello stesso mese era del 37,1%, mentre in Paesi come la Grecia e la Spagna supera il 50%.

Da: http://www.europarl.europa.eu 21/01/2013




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.