I costi della tassa “inglese”: la Francia pubblica il Rapporto Grin.

Posted on in Notizie ERA 19 vedi

Finalmente sono state pubblicate dal Ministero dell’Istruzione francese le 127 pagine del Rapporto Grin su “L’insegnamento delle lingue straniere come politica pubblica” facendo prendere corpo alle cifre della follia autocolonizzatrice italiana e non solo.

L’attuale posizione di dominio della lingua inglese in Europa frutterebbe al Regno Unito almeno 10 miliardi di euro all’anno, tenendo conto di sole tre componenti: il guadagno che la Gran Bretagna realizza dalla vendita di prodotti direttamente legati alla lingua inglese, il risparmio fatto sulle traduzioni e, soprattutto, il risparmio realizzato sull’insegnamento delle lingue straniere, ormai del tutto marginale nei paesi anglofoni.

Tale guadagno sale fino a 17 miliardi di euro all’anno, quasi un punto percentuale del PIL, se si tiene conto dell’effetto moltiplicatore associato ad alcune componenti del totale. A tutto ciò vanno, poi, aggiunti i vantaggi di natura immateriale di cui godono gli anglofoni madrelingua ogni qual volta un dibattito o un conflitto si svolge in inglese.

L’economista ginevrino François Grin apre e cifra scenari finora mai considerati dal mondo economico europeo dimostrando come la comunicazione “tutta anglofona” per l’Europa non solo è inefficace in termini di allocazione delle risorse ma ingiusta da un punto di vista di distribuzione delle stesse, pericolosa per la diversità linguistica e culturale, preoccupante quanto ad implicazioni geopolitiche.

Ma la cosa che più colpisce è la stima economica delineata qualora gli Stati dell’Unione europea coordinassero le loro politiche d’insegnamento verso una lingua non etnica e imparziale come l’esperanto: nel lungo termine l’Unione nel suo complesso realizzerebbe un risparmio di circa 25 miliardi di euro all’anno, annullando in un solo colpo le ineguaglianze derivanti da una egemonia linguistica che si avvia verso il monopolio della comunicazione transnazionale.

 

——————————————————

Il rapporto nell’originale francese è disponibile in formato pdf QUI




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.