Giovedì 25 settembre 2003 Conferenza stampa sul caso Moratti

Posted on in L'ERA comunica 24 vedi

CONFERENZA STAMPA DELl’associazione radicale “esperanto” e del Partito radicale sullo stallo delle iniziative concordate con il ministro Moratti.

Giovedì 25 settembre 2003

alle 17.15 nella sede di Via di Torre Argentina 76

CONFERENZA STAMPA

dell’Associazione radicale “esperanto” e del Partito radicale

in occasione dell’annuale Giornata Europea delle Lingue.

Verranno presentati i risultati del lavoro che, dietro indicazioni date dallo stesso Ministro Moratti, è stato svolto anzitutto con la Direzione Relazioni Internazionale del MIUR, denunciandone la grave fase di stallo operativo: primo fra tutti la mancata convocazione di una Conferenza europea delle lingue dall’eloquente titolo “Comunicazione e lingue nell’Europa dei 25” durante il semestre di presidenza italiana dell’Unione.

Una Conferenza tanto più importante nel momento in cui, con 25 Paesi membri, vengono portate a 20 le lingue dell’Unione e, tanto più necessaria, nel momento in cui si assiste ad una svolta autoritaria ed inaccettabile per un mercato delle lingue aperto che porta all’obbligatorietà dell’inglese dalla prima elementare: ossia verso il monopolio della comunicazione linguistica internazionale e la lesione permanente della libertà di scelta dei cittadini.

Nel corso della Conferenza stampa verrà distribuito anche un “dossier” dei principali articoli ripresi dalla più nota stampa ed editoria anglofona che, negli ultimi anni, hanno messo in guardia rispetto al carattere “linguicida” della lingua inglese assunta quale monolingua internazionale.

Alla Conferenza stampa, oltre al Presidente del Partito radicale, Sergio Stanzani, e al Segretario dell’Associazione radicale “esperanto”, Giorgio Pagano, interverranno Lapo Orlandi che illustrerà il “dossier” dell’anglofonia e Andrea Chiti Batelli, scrittore e saggista, tra i maggiori esperti di problematiche europee e di federalismo europeo.

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.