Germania, migliaia di studenti fanno a gara a chi conosce meglio Parma e Verdi

Posted on in Politica e lingue 13 vedi

A Francoforte si tiene oggi la giornata finale del concorso «Tra il Savena e il Rhein», che ha coinvolto migliaia di studenti italiani e tedeschi impegnati nella conoscenza e nello studio della lingua italiana.
L’iniziativa, promossa dall’Associazione degli emiliano romagnoli in Assia e Palatinato, è stata sostenuta dalla Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, presieduta da Silvia Bartolini. L’evento ha avuto grande riconoscimento nelle istituzioni tedesche, presenti alla cerimonia conclusiva con la Staatsekraterin del Land Assia, Nicola Beer.
Il premio (alla seconda edizione) quest’anno era incentrato sulla conoscenza provincia di Parma e sulla figura di Giuseppe Verdi. Migliaia di studenti, sotto la guida dei loro insegnanti, hanno presentato i loro lavori – relazioni, ricerche ed elaborati artistici – che hanno evidenziato un grande interesse per l’Italia, per la sua lingua e la sua cultura, e in particolare per l’Emilia-Romagna. Tra gli elaborati sono stati scelti tre lavori che premiano l’impegno di tre studenti, ai quali vanno un buono viaggio e ospitalità per tre giorni a Parma.

La cerimonia di premiazione, all’Istituto italiano di cultura di Francoforte, alla presenza del Console generale Bernardo Carloni, è stata anche l’occasione per rinsaldare le iniziative interculturali degli emiliano romagnoli in Assia – gemellata proprio con l’Emilia-Romagna – e in Germania e per rilanciare l’esigenza di un’attività istituzionale italiana più attenta alla comunità nazionale residente all’estero.

Silvia Bartolini ha osservato che «le nostre associazioni all’estero rappresentano in modo esemplare la dinamicità, la creatività e il protagonismo della regione Emilia-Romagna, soprattutto per quanto riguarda le nuove generazioni: una opportunità di sviluppo e crescita per l’Italia».

Il presidente dell’associazione, Mauro Montanari, ha ricordato quanto sia importante, anche per la nuova emigrazione, promuovere la conoscenza e la comunicazione interculturale, ai fini anche di un processo di integrazione europeo che abbia valori comuni e non viva solo dei rapporti di forza economici. In questo contesto è molto importante la funzione dell’associazionismo e della stampa italiana all’estero, che lo Stato italiano sta mettendo in sofferenza».

Intervenendo a questo proposito, il segretario della Fnsi Franco Siddi ha ribadito con forza «l’esigenza che il governo italiano ripristini i contributi per la stampa italiana all’estero, improvvidamente tagliati due settimane fa: anche questa manifestazione di Francoforte evidenzia valore e significato dell’informazione italiana nel mondo, che rappresenta un valore aggiunto per il sistema Paese».

http://www.gazzettadiparma.it/primapagi … Verdi.html




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.