Genocidio linguistico italiano a Milano. Dopo il PoliMi il Livio: il primo liceo classico pubblico dove si insegnano tutte le materie solo in inglese.

Posted on in Politica e lingue 26 vedi

Carlo Soricelli

Succhiatore di cervelli

Il caso.

A Milano il liceo dove si insegnano tutte le materie solo in inglese.

“Qui il futuro è bilingue” Il primo liceo pubblico dove si studia in inglese.

di Tiziana De Giorgio.

Impareranno a tradurre Seneca e Aristotele come gli altri liceali. Dovranno conoscere i versi di Dante e di Montale, la storia del Ventennio e la pittura di Leonardo. Con una differenza: gli studenti faranno lezione in inglese. È la rivoluzione scolastica del Tito Livio di Milano. Il primo liceo classico statale che diventa bilingue, dove tutte le materie – dal latino alla matematica – vengono spiegate in lingua anglofona. Il modello di riferimento è quello del Politecnico: nell’ateneo milanese dove studiano più di 40mila universitari fra aspiranti architetti, designer e ingegneri, da quest’anno quasi tutti i corsi di laurea specialistica hanno abbandonato l’italiano. «Abbiamo capito che il futuro è li – spiega la preside del liceo Amanda Ferrario – per questo abbiamo deciso di fare una scommessa: importare il loro esempio in una scuola superiore, per la prima volta pubblica e non privata». I passaggi per trasformare il più tradizionale dei licei in una scuola bilingue non sono pochi e comportano più di un ostacolo. Uno su tutti: reperire insegnanti che siano in grado di padroneggiare l’inglese a tal punto da sostenere lezioni, preparare e correggere compiti in classe, interrogare gli alunni. Il centralissimo liceo meneghino, a due passi dall’università Cattolica, la soluzione l’ha trovata senza andare troppo lontano: a cominciare dai prossimi giorni, per due anni di fila, più della metà dei professori che già lavorano nella scuola frequenterà ogni settimana corsi intensivi di perfezionamento, di conversazione e scrittura. La risposta degli insegnanti è stata inaspettata, assicura la dirigente: hanno bussato alla porta della presidenza in trenta per autocandidarsi, su cinquanta nomi che compaiono all’interno dell’organico. Docenti di greco e di storia dell’arte, di filosofia e di scienze. Dovranno raggiungere come minimo una certificazione di livello “b 1 ” per poter far parte del nuovo programma di lezioni. La loro formazione è affidata allo Shenker, lo stesso istituto che ha seguito i docenti del Politecnico nella sua (controversa) mutazione di lingua. Una convenzione firmata dal liceo permette alla scuola di poter usufruire per i primi due anni di insegnanti madrelingua a titolo gratuito. Sono quelli necessari per mettere in moto gli ingranaggi e partire. Tra i banchi ci saranno gli studenti che oggi sono iscritti in prima. «Non c’è nulla di obbligatorio», assicura la scuola: verranno garantite classi con i tradizionali corsi in italiano per gli alunni che lo vorranno. Dai primi sondaggi fatti con le famiglie, però, il timore è che il numero di richieste sia tale da non riuscire ad avere posto per tutti, almeno all’inizio. Tra due anni si parte quindi con i liceali di terza e l’obiettivo è portarli a sostenere anche l’esame di Stato in inglese. Ed è questo un altro passaggio necessario per trasformare il Tito Livio in una vera scuola bilingue: riuscire a ottenere che il diploma conseguito in Italia valga anche in Inghilterra. Il corrispettivo dell’Esabac francese. «Deve esserci un accordo bilaterale fra i due Paesi – precisa Ferrario- è un iter abbastanza lungo ma abbiamo avviato le procedure con il Ministero e contiamo di avere tutte le carte in regola».
(Da La Repubblica, 1/9/2015).

Liceo Classico Statale “TITO LIVIO”
Indirizzo: Via Circo 4 20123 – Milano
Telefono: 02875043 – 0236668952
Fax: 0272000892
Posta Elettronica: mipc20000g@istruzione.it
Posta Elettronica Certificata (PEC): mipc20000g@pec.istruzione.it
Dirigente Scolastico: Amanda Ferrario
Via Circo 4 Milano 20123
preside@titolivio.it
Tel.i 02-875043 02-36668952
Fax 02-72000892

{donate}

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.