Festa inglese

Posted on in Politica e lingue 3 vedi

Studiare l’inglese? Una festa da 60 anni

di Maurizio Caprara

E’ passata meno di una settimana da quando Romano Prodi e Walter Veltroni hanno incontrato una delegazione di studenti dell’ «Erasmus», programma europeo che a Roma fa studiare alla «Sapienza» un migliaio di giovani stranieri e che all’estero offre la stessa occasione a tanti ragazzi romani. Adesso è il turno di cerimonie più ristrette, ma sempre in tema: l’ambasciatore americano Ronald Spogli offrirà domani sera un ricevimento a Villa Taverna per i 60 anni del «Fulbright», programma voluto nel 1946 dal senatore democratico James William Fulbright affinché l’offerta di occasioni di studio lontano dal proprio Paese, a guerra finita da poco, migliorasse i rapporti degli Stati Uniti con altre nazioni e favorisse un clima di pace. Da Spogli, uno che il ‘ 68 lo passò da borsista Fulbright a Firenze, verrà festeggiata la nuova presidente della commissione che assegna le borse di studio. Questa volta è un’italiana, laureata in antropologia a Roma, che prese un master ad Harvard. Si tratta di Maria Grazia Quieti, a lungo consigliere alla Fao. Di recente il sottosegretario all’Istruzione Dina Habib Powell ha annunciato 15 borse di studio per altrettanti giovani statunitensi. Affiancheranno gli insegnanti di inglese in alcune scuole italiane per aumentare «la padronanza della lingua» fra gli studenti. Stati Uniti e Gran Bretagna sono Paesi amici, ma i primi preferiscono veder diffuso l’ «American English» piuttosto che il forbito e arrotondato inglese insulare. Data l’influenza del rock, del rap e di vari generi di musica che vengono dagli Usa, a molti studenti va bene.

(Dal Corriere della Sera, 15/11/2006).

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.