Esperimenti con l’esperanto

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

Chi lo dice che l’esperanto è più facile?

Lo dicono gli esperantisti per esperienza personale… Comunque ecco alcuni

degli esperimenti scientifici compiuti:

1925 – 1931, Columbia University, New York, USA: 20 ore di esperanto danno

un risultato superiore a 100 ore di francese, tedesco, italiano o spagnolo.

1947 – 1951, Sheffield, Gran Bretagna (dal 1948 anche a Manchester): un

bambino apprende in 6 mesi tanto esperanto quanto francese in 4 – 5 anni;

dopo alcuni mesi di esperanto si ottengono migliori risultati

nell’apprendimento delle altre lingue.

1958 – 1963, scuola media di Somero, Finlandia: sotto il controllo del

Ministero dell’Istruzione si è verificato che gli alunni, dopo un corso di

esperanto, sapevano raggiungere un livello in tedesco superiore a quello

degli alunni che studiavano solo il tedesco, anche se più a lungo.

1962 – 1963, Università di Budapest, Ungheria: confronto fra esperanto,

russo, inglese e tedesco; l’apprendimento dell’esperanto risulta di gran

lunga più facile rispetto a tutte le altre lingue.

1983 – 1988, scuola elementare Rocca di San Salvatore (GE): gli alunni che

studiano prima esperanto e poi francese raggiungono un livello superiore

rispetto a quelli che studiano solo francese.

Dal febbraio 1975 il Professor Helmar Frank e l’Istituto di Pedagogia

Cibernetica dell’Università di Paderborn (Germania) hanno verificato

scientificamente l’effetto propedeutico dell’insegnamento dell’esperanto

nella scuola elementare come preparazione allo studio successivo

dell’Inglese da parte di alunni tedeschi. In anni successivi si aggiungono

alla sperimentazione altre classi in Germania, Francia, Italia, ed ex

Jugoslavia. In tutte le classi si constata un miglioramento delle capacità

di apprendimento dell’Inglese successivamente insegnato.

Nel settembre ’93 in Italia, Russia, Ucraina, Uzbekistan e Kazakistan è

iniziato un esperimento detto “Insegnamento di Orientamento Linguistico”

sotto il controllo scientifico dell’Istituto di Cibernetica di Paderborn

(vedi paragrafo precedente) e dell’Accademia Internazionale delle Scienze

di San Marino. Nel 1994 si aggiungono classi sperimentali slovene,

austiache e ungheresi.

II metodo detto “di Paderborn”, utilizzato in questa fase sperimentale,

sfrutta la semplicità, la regolarità, la mancanza di eccezioni e la

chiarezza proprie dell’esperanto per stimolare la comprensione delle

strutture delle altre lingue e, conseguentemente, per migliorare la

capacità e la predisposizione ad apprenderle.

Il risultato è che, paragonando la conoscenza dell’inglese in 2 classi

della stessa età che abbiano la prima studiato 2 anni di esperanto e 2 anni

di inglese e la seconda 4 anni di inglese, si constata che gli alunni della

prima sanno l’inglese meglio di quelli cha lo hanno studiato 4 anni.

1993-1997, in Italia si sperimenta l’esperanto “come lingua propedeutica

allo studio delle lingue straniere nella scuola elementare ” nella Scuola

Gaetano Salvemini di Torino. Sono coinvolte tre classi. In seconda e

terza classe gli alunni imparano l’Esperanto di base e lo usano per

comunicare a livello internazionale con altre scuole. In quarta e quinta

due classi passano una allo studio dell’Inglese e l’altra allo studio del

francese.

Dall’anno scolastico 1994/95 questa sperimentazione è autorizzata dal

Ministero della Pubblica Istruzione.

La valutazione conferma l’efficacia propedeutica dell’insegnamento

dell’esperanto a bambini italiani per il migliore e più rapido

apprendimento successivo del francese e dell’inglese.

(Da Nova Sento in rete n. 384).

[addsig]




1 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

Chi lo dice che l'esperanto è più facile?<br /><br />
<br /><br />
Lo dicono gli esperantisti per esperienza personale... Comunque ecco alcuni<br /><br />
degli esperimenti scientifici compiuti:<br /><br />
<br /><br />
1925 - 1931, Columbia University, New York, USA: 20 ore di esperanto danno<br /><br />
un risultato superiore a 100 ore di francese, tedesco, italiano o spagnolo.<br /><br />
<br /><br />
1947 - 1951, Sheffield, Gran Bretagna (dal 1948 anche a Manchester): un<br /><br />
bambino apprende in 6 mesi tanto esperanto quanto francese in 4 - 5 anni;<br /><br />
dopo alcuni mesi di esperanto si ottengono migliori risultati<br /><br />
nell'apprendimento delle altre lingue.<br /><br />
<br /><br />
1958 - 1963, scuola media di Somero, Finlandia: sotto il controllo del<br /><br />
Ministero dell'Istruzione si è verificato che gli alunni, dopo un corso di<br /><br />
esperanto, sapevano raggiungere un livello in tedesco superiore a quello<br /><br />
degli alunni che studiavano solo il tedesco, anche se più a lungo.<br /><br />
<br /><br />
1962 - 1963, Università di Budapest, Ungheria: confronto fra esperanto,<br /><br />
russo, inglese e tedesco; l'apprendimento dell'esperanto risulta di gran<br /><br />
lunga più facile rispetto a tutte le altre lingue.<br /><br />
<br /><br />
1983 - 1988, scuola elementare Rocca di San Salvatore (GE): gli alunni che<br /><br />
studiano prima esperanto e poi francese raggiungono un livello superiore<br /><br />
rispetto a quelli che studiano solo francese.<br /><br />
<br /><br />
Dal febbraio 1975 il Professor Helmar Frank e l'Istituto di Pedagogia<br /><br />
Cibernetica dell'Università di Paderborn (Germania) hanno verificato<br /><br />
scientificamente l'effetto propedeutico dell'insegnamento dell'esperanto<br /><br />
nella scuola elementare come preparazione allo studio successivo<br /><br />
dell'Inglese da parte di alunni tedeschi. In anni successivi si aggiungono<br /><br />
alla sperimentazione altre classi in Germania, Francia, Italia, ed ex<br /><br />
Jugoslavia. In tutte le classi si constata un miglioramento delle capacità<br /><br />
di apprendimento dell'Inglese successivamente insegnato.<br /><br />
<br /><br />
Nel settembre '93 in Italia, Russia, Ucraina, Uzbekistan e Kazakistan è<br /><br />
iniziato un esperimento detto "Insegnamento di Orientamento Linguistico"<br /><br />
sotto il controllo scientifico dell'Istituto di Cibernetica di Paderborn<br /><br />
(vedi paragrafo precedente) e dell'Accademia Internazionale delle Scienze<br /><br />
di San Marino. Nel 1994 si aggiungono classi sperimentali slovene,<br /><br />
austiache e ungheresi.<br /><br />
II metodo detto "di Paderborn", utilizzato in questa fase sperimentale,<br /><br />
sfrutta la semplicità, la regolarità, la mancanza di eccezioni e la<br /><br />
chiarezza proprie dell'esperanto per stimolare la comprensione delle<br /><br />
strutture delle altre lingue e, conseguentemente, per migliorare la<br /><br />
capacità e la predisposizione ad apprenderle.<br /><br />
Il risultato è che, paragonando la conoscenza dell'inglese in 2 classi<br /><br />
della stessa età che abbiano la prima studiato 2 anni di esperanto e 2 anni<br /><br />
di inglese e la seconda 4 anni di inglese, si constata che gli alunni della<br /><br />
prima sanno l'inglese meglio di quelli cha lo hanno studiato 4 anni.<br /><br />
<br /><br />
1993-1997, in Italia si sperimenta l'esperanto "come lingua propedeutica<br /><br />
allo studio delle lingue straniere nella scuola elementare " nella Scuola<br /><br />
Gaetano Salvemini di Torino. Sono coinvolte tre classi. In seconda e<br /><br />
terza classe gli alunni imparano l'Esperanto di base e lo usano per<br /><br />
comunicare a livello internazionale con altre scuole. In quarta e quinta<br /><br />
due classi passano una allo studio dell'Inglese e l'altra allo studio del<br /><br />
francese.<br /><br />
Dall'anno scolastico 1994/95 questa sperimentazione è autorizzata dal<br /><br />
Ministero della Pubblica Istruzione.<br /><br />
La valutazione conferma l'efficacia propedeutica dell'insegnamento<br /><br />
dell'esperanto a bambini italiani per il migliore e più rapido<br /><br />
apprendimento successivo del francese e dell'inglese.<br /><br />
(Da Nova Sento in rete n. 384).<br /><br />
[addsig]

You need or account to post comment.