Elezioni 2013, i media stranieri preoccupati: «Stallo Italia pericolo per Ue»

Posted on in Europa e oltre 3 vedi

ROMA – L'Italia in impasse, trema l'Europa. La stampa internazionale guarda con preoccupazione all'esito delle elezioni italiane, dove «trionfano populismo e grida» e dove, secondo i media mondiali , appare chiaro che Monti ha fallito laddove «la rabbia» anti-rigore di Grillo e del M5S ha trionfato. Ma all'orizzonte c'è un parlamento diviso e, dalla Gran Bretagna agli Usa, cresce l'allarme per i suoi effetti sui mercati. Nel Regno Unito la Bbc guarda all' «impasse» dell'Italia dopo il voto, con un Parlamento che appare «diviso tra destra e sinistra, provocando nuova angoscia all'eurozona».

Il Financial Times, in un commento pubblicato nella sua diretta sul voto, evidenzia come «una cosa appare chiara: dopo Francia e Grecia, un altro elettorato europeo ha inviato un pungente rimprovero all'establishment politico. E oggi il comico e blogger Beppe Grillo, che ha speso la sua campagna ridicolizzando l'elite nazionale, è entrato nel club».

Sempre il Ft, raccontando l'altalenante giornata delle Borse, titola «I mercati spaventati dall'incertezza italiana», mentre per The Guardian una cosa appare chiara: «Mario Monti, una volta soprannominato Super-Mario, non è stato a lungo super». E il quotidiano britannico riporta un commento dell'ex direttore dell'Economist Bill Emmott: «Che disastro per Monti. Un enorme fallimento di comunicazione». «Incertezza per l'Italia con l'esito elettorale che mostra un Paese diviso», titola il Daily Telegraph, evidenziando le diverse maggioranze registrate alle due Camere. In Francia «Il ritorno di Berlusconi fa piangere i mercati» è il titolo de Le Figaro, che evidenzia il boom del M5S, mentre in un commento intitolato «Scartato dagli elettori, Monti ha perso la sua scommessa» si evidenzia come il premier, «affossato dalla politica di rigore, ora spera di avere un peso nella coalizione di sinistra».

«L'Italia sommersa da un'ondata populista» titola invece Le Nouvel Observateur, mentre Liberation interpreta così le elezioni: «Dopo un rifiuto della classe politica, un rifiuto dell'Europa». In Germania la Suddeutsche Zeitung titola «Governano populismo, grida e bugie», affermando in un commento di «non aver capito» il messaggio degli elettori italiani. «Le elezioni italiane innervosiscono i mercati», sottolinea Die Welt, secondo il quale il fatto che si possa tornare al voto «forse piace a Berlusconi», che potrebbe puntare alla vittoria.

Per la Frankfurter Allgemeine Zeitung, invece, dal voto emerge «un segnale di pericolo» per l'Europa: «la metà degli italiani ha votato per partiti dall'aggressivo anti-europeismo. E questo è un segnale preoccupante per l'intero continente». «Vince la rabbia di Grillo», è invece l'apertura di Der Spiegel secondo il quale, nonostante «il caos elettorale» italiano, «il vincitore è chiaro: è il movimento di protesta del comico». In Spagna «Destra e sinistra si eguagliano e l'antipolitica segue come terza forza» titola El Mundo, raccontando del «fallimento di Monti» e di un'Italia che «resta in bilico».

El Pais titola «L'avanzata di Berlusconi al Senato complica la governabilità dell'Italia», evidenziando come «l'incertezza in Italia spenga l'euforia dei mercati». Oltreoceano il Washington Post scrive che «l'Italia appare destinata verso una situazione di impasse», mentre il Wall Street Journal titola: «Il voto mostra che gli elettori italiani hanno respinto l'austerity», sottolineando come «il futuro del governo e del Parlamento italiani appare più che mai incerto». Huffington Post e Cbs News infine rimarcano «lo stallo» nel voto italiano. Un'«incertezza» che, scrive l'emittente panaraba Al Jazeera, ha avuto i suoi «effetti» anche sui mercati europei.

(da ilmessaggero.it, 25/02/2013)




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.