ECML censura la visione commemorativa dell’italiano alla Giornata europea delle lingue

Posted on in L'ERA comunica 13 vedi

Inserimento della manifestazione a lutto per l’italiano

25 settembre 2014

ECML censura la visione commemorativa dell’italiano alla Giornata europea delle lingue

All’‘European Day of Languages European, ossia Giornata Europea delle Lingue, promossa il 26 settembre dall’ European Centre for Modern Languages del Consiglio d’Europa, “OGNUNO può partecipare. Sia come singolo sia come gruppo […], gente di ogni età può far parte della giornata. Ognuno può contribuire al successo della giornata – sia partecipando alle attività che sono organizzate, sia organizzando eventi con gli altri (non dimenticando d’inserire i dettagli sul calendario degli eventi della Giornata)“.
Avendo deciso di mettere a conoscenza come, in realtà, la celebrazione della diversità linguistica sia ormai divenuta solo la promozione dell’asservimento di tutte le lingue e, conseguentemente, di tutti i popoli europei, alla lingua inglese e ai popoli che la parlano, quest’anno, oltre delle bandiere a lutto, l’ERA si è fatta promotrice anche del lutto del Tricolore al braccio. Il Segretario dell’ERA, quindi, ha personalmente redatto il formulario della partecipazione di cui chiunque può vedere il video su internet ma, 
a quelli dell’European Day of Languages la verità sull’occupazione linguistica inglese dell’Unione Europea non è piaciuta e, tanto meno, la forma di “festeggiamento” a lutto per l’italiano, discriminato e messo nella cassa da morto, come quasi tutte le altre lingue diverse dall’inglese. Così la partecipazione di Giorgio Pagano, come si può vedere scorrendo l’elenco degli eventi sul sito, non c’è.
Del resto, basta andare sugli esempi da cui trarre ispirazione secondo l’ECML e constatare che sono tutti esclusivamente in inglese. Altro che “celebrazione delle diversità linguistiche”, per non parlare dell’altro slogan del sito, ridicolo allo stato dei fatti, “è iniziata l’era poliglotta”: come no! “tranne che per la casta anglofona dalla nascita” dovrebbero aggiungere.

 

 

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.