Ecco Zucano, il social travelling che parla italiano

Posted on in Politica e lingue 27 vedi

Un po’ Facebook un po’ Foursquare è il sito che mette in contatto passeggeri di tutto il mondo

Il binomio social-viaggio non è stato sempre vincente. Ci hanno provato prima Google con Latitude, poi Foursquare e Facebook con i check-in ma l’amore non è mai scoppiato, almeno in Italia. Il motivo è semplice: perché dovrei dire a qualcuno dove mi trovo? La finalità non è sempre ben chiara e spesso ci si riduce a compiere i cosiddetti check-in “lampo” solo per scalare le classifiche virtuali degli amici, spesso senza aver visitato effettivamente un luogo. Più fortunati i siti sbocciati grazie al fenomeno del carsharing (auto a noleggio) e carpooling (auto di gruppo) il cui utilizzo è stato peraltro incentivato da Autostrade per l’Italia con riduzioni di costi su pedaggi e caselli.

Oltre a contenere i costi per il viaggio, la pratica del carpooling permette anche di conoscere nuove persone, con le quali si viaggerà per alcune ore. Su questa logica nasce il progetto italiano Zucano che permette agli utenti di condividere un percorso di viaggio attraverso la piattaforma online. L’utente si registra sul sito http://www.zucano.com e crea il suo profilo, prima della partenza (in treno, autobus, aereo, traghetto, metropolitana) registra il percorso prescelto inserendo anche la data e lo condivide con gli altri utenti sui social come Facebook, Twitter, LinkedIn, Google +. A questo punto si potranno vedere tutti gli utenti presenti sulla tratta indicata ed effettuare check-in in punti intermedi per farsi trovare dagli altri. In questo modo si facilita la socializzazione a bordo del mezzo e le persone vengono spinte a condividere il tempo del viaggio sia online che offline.

Il progetto è nato tra l’Italia e gli Stati Uniti grazie ad una startup composta di sei giovani imprenditori italiani. Tutti i contenuti del sito e dei social sono in inglese così da internazionalizzare da subito il progetto. Zucano è un progetto, quasi una storia d’amore, nata sul tram, come racconta lo stesso ideatore e CEO Marco Turchini. In viaggio ha conosciuto la sua attuale fidanzata e così ha pensato di mettere in piedi un business che potesse facilitare la relazione e la comunicazione tra i migliaia di passeggeri che ogni giorno salgono sui mezzi pubblici. La scommessa per il futuro è offrire un’esperienza completa di viaggio alla persone: dalla scelta del mezzo all’itinerario fino alla prenotazione di alberghi e biglietti per eventi. Da questo punto di vista Zucano ha già riscosso l’interesse di alcune compagnie asiatiche e mediorientali, in attesa di un’app che permetta agli utenti di restare aggiornati sui viaggio anche in mobilità.

(di Antonino Caffo, da http://www.lastampa.it, 21/03/2013)




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.