E’ la lingua italiana la forza dell’Italia digitale

Posted on in Politica e lingue 14 vedi

Zambardino.blogautore.repubblica.it

13 mar 2011
E’ la lingua italiana la forza dell’Italia digitale
di Vittorio Zambardino
Oggi, domenica, abbiamo fatto un po’ di chiacchiere nella sede dell’Unità tra giornalisti e blogger. Il tema voleva essere un punto sulla distanza (o vicinanza) tra web e paese nell’anniversario del 17 marzo.
Il dibattito è subito decollato per una tangente molto più generale. Ma qui forse possiamo provare a fissare alcuni punti, come se fosse un altro intervento nel dibattito:
La Rete a questo paese ha fatto bene: per la prima volta, dopo l’unificazione linguistica realizzata dalla televisione negli anni ‘50-’60, quella criticata da Pier Paolo Pasolini, abbiamo una unificazione linguistica attiva, realizzata in forme di espressione articolate. Sarà pure imperante l’italiano del “cosa centra questo” e “nn pso prlrt” ma il risultato complessivo è buono.
Non è vero che il ritardo nello sviluppo delle infrastrutture ci abbia bloccato del tutto. Siamo un paese con uno sviluppo record dell’utenza Facebook; i blog hanno avuto una stagione fiorente; l’Italia è piena di ragazzi che pensano di usare la rete per sviluppare un’attività in proprio.
Il ritardo infrastrutturale è pesante e sul lungo periodo avrà effetti catastrofici. Al momento produce forme paradossali di digital divide: come il servizio 100 megabit, che sarà disponibile nei centri delle città, ma non nelle periferie. A Roma, se abiti al di là delle mura aureliane, sei un web citizen di serie B.
L’alfabetizzazione digitale non aspetta i programmi ufficiali. Si autosviluppa come può, con gli strumenti dati e non c’è niente da fare se i ragazzi passano il loro tempi immersi nel web. Così è, è umanità che forme i suoi modi di vivere da sola, senza chiedere permessi a nessuno.
Tutto questo fa dell’Italia un paese con una sola “sfera” digitale, dove il tratto linguistico vince su ogni altra spinta.
Ciò che è criminale (sì, criminale) è il ritardo dei media e della politica nello scommettere sul web c0me fattore di sviluppo dell’economia. Qualche giorno fa si è letto che i ragazzi fra i 20 e i 24 anni non dichiarano reddito: è a loro che la rete potrebbe dare una nuova opportunità. Ma non di solo pane si tratta, è di cultura e mentalità che abbiamo bisogno….
Ritardo culturale significa discutere ancora in termini di digitale separato dal reale. Se non vediamo che la rete è come l’aria che ci avvolge e che il tempo degli amanuensi, e della loro concezione del mondo, è finito, allora davvero non ci siamo ancora.

Scritto domenica, 13 marzo 2011 alle 19:39




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.