Divina Commedia in musica

Posted on in Politica e lingue 5 vedi

La Divina Commedia in musica Dante ha la sua colonna sonora

Nove brani di Franco Eco: elegie e arie cupe tra Inferno e Paradiso

di Paolo Pellegrini

Ulisse, “lo maggior corno della fiamma antica”, ha un suono gotico, cupo e ribollente, come fosse un brano dei “Carmina Burana”. Per il Conte Ugolino (rappresentato graficamente come una semplice tragica doppia fila di denti) come per Farinata degli Uberti, il dramma si tinge di note angosciose, un lago di musica senza vita apparente, scandito da temi ossessivi. Paolo e Francesca – una copula che s’intravede ma ben s’immagina – sono raccontati da un’elegia costruita sul canto del pianoforte a cui s’accompagnano pennellate di archi (un violoncello da brividi), insomma pura elegia. Come sarà per il “Gran Finale”, nove minuti di canti angelici a tracciare l’unico “episodio” che non riporta all’Inferno.
Dante che diventa musica. La colonna sonora della Divina Commedia. Era già uno spettacolo, “Dante Concert”, proposto in scena un paio d’anni fa a Bologna, ma l’autore Franco Eco ha fatto di tutto per inciderlo, e ne è nata un’operazione davvero singolare. Perché il “booklet” del disco è illustrato da Fabrizio De Masi, talentuoso disegnatore, che si è ispirato alle litografie ottocentesche di Gustave Doré ma ne ha poi tratto interpretazioni assai personali. E perché la prefazione del disco è firmata da Giulio Andreotti, che si è anche concesso a una simpatica intervista video, registrata in Senato e già visibile su Youtube. Due battute, su cinque minuti e mezzo di video: “Se Dante fosse oggi qui in Parlamento, gliele darebbe secche”. E ancora: “Prendo tutte le mattine il caffè con Farinata degli Uberti”. Agli appassionati il compito di dargli un volto e un nome…
Franco Eco: è il nome d’arte di Francesco Cerreti, crotonese, non ancora trentenne ma già lanciato come regista (tra Poe e Dostoevskij, sarà un caso?), già vincitore di una Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia.
Il disco (nove brani per nove momenti della “Commedia”) è stato stampato in mille copie, disponibili nei negozi, su iTunes e presso Ossigeno Digital Distribution (www.02pub.com). Un successo l’ ha già ottenuto: il brano di Ulisse è stato accolto come sigla della trasmissione “Demo” di Michael Pergolati, ogni sera su RadioUno Rai dopo le 23. E’ piaciuto ad Antonella Coniglio, assessore alle politiche giovani della Provincia di Firenze: “E’ Dante – dice – riproposto in maniera meno pesante del solito. E’ molto efficace, questo disco, colto e divulgativo: potremmo riproporlo in eventi con i giovani nelle nostre piazze”…
(Da La Nazione, 3/6/2010).

———————————————————————————–

La prefazione

Nomi fissati nella memoria collettiva

di Giulio Andreotti

“Dante Concert” è un’opera musicale concepita come un percorso interiore attraverso alcuni celebri personaggi della “Commedia”, scelti come i rappresentanti di un’umanità metastorica, ormai fissati nella memoria collettiva. Le terzine dantesche, tradotte in musica, liberano atmosfere, ora vibranti ora profonde e solenni, che suggeriscono allo spirito le difficoltà del cammino: una musica che testimonia come i versi del nostro maggior poeta riescano ancora oggi a sollecitare, con un’intensità unica, le corde dell’immaginazione e dell’arte.
Dalle laceranti pene infernali alla sublime visione divina, le musiche sono in grado di restituirci, senza tradire il messaggio dantesco, il dramma dell’uomo fino al momento della sua redenzione.
(Da La Nazione, 3/6/2010).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.