discriminazione linguistica Piaggio

Posted on in Genocidio culturale italiano 21 vedi

Problema più di forma che di sostanza.
Un paio di mesi fa sono andato a ritirare dal concessionario uno scooter Piaggio acquistato per due miei fratelli di sedici e quattordici anni. Sullo specchietto retrovisore era apposto un adesivo che avvertiva di porre attenzione al fatto che gli oggetti che appaiono nello specchio sono in realtà più vicini di quanto non mostri l’immagine riflessa.
Ho subito considerato lodevole l’iniziativa dell’azienda, in quanto tra l’altro non credo che il codice della strada prescriva questa avvertenza, prima di rendermi conto che il testo dell’adesivo era in inglese: “Warning: objects in the mirror are closer than they appears”.
E’ vero, la scritta in questione non costituisce obbligo di legge ma per quale motivo la Piaggio, azienda italiana, deve apporre, su un mezzo venduto in Italia, una scritta inglese che discrimina implicitamente tutti i suoi clienti che non possono o non vogliono imparare questa lingua? E’ il caso di mia sorella che, svogliata, non si è nemmeno chiesta cosa ci fosse scritto sullo specchietto e che all’occasione si sarebbe fatta tamponare.




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.