Dialetto in Comune

Posted on in Politica e lingue 30 vedi

Nuovo centralino telefonico

«Comün de Còmm» L’assessore risponde in dialetto

di Emanuele Caso

«Schiscia ul butùn dü par sentì la cumunicaziun in dialet cumasch». Per ascoltare in viva voce questo piccolo esempio di dialetto lariano «doc», da ieri basta chiamare il centralino del Comune di Como e, come da istruzioni, schiacciare il bottone 2 sulla tastiera del telefono. Sul Lario, infatti, il vernacolo è diventato lingua ufficiale, o quasi, dell’istituzione. Merito di un «combinato disposto» alquanto particolare: un nuovo e futuristico sistema automatico di risposta alle chiamate dei cittadini, mescolato con la più antica lingua del lago di Como. Una volta composto il numero di Palazzo Cernezzi (031.2521) si possono scegliere tre soluzioni per ascoltare dal disco registrato le informazioni sui vari servizi pubblici: l’italiano, l’inglese e, appunto, il dialetto. E non è finita. Perché l’interprete d’eccezione è un leghista purosangue come Diego Peverelli, assessore – ovviamente – al Verde. Noto in tutta la città per il carattere esplosivo e le caratteristiche sfuriate in un impeccabile dialetto, Peverelli ha tradotto la registrazione in italiano con scrupolo filologico. E così il benvenuto è diventato «benvegnü», le prestazioni si sono tramutate in «prestaziùn», le tasse ne «i tàss» e così via. L’utilità dell’innovazione tecnologica l’ ha spiegata il sindaco Stefano Bruni: «Innanzitutto è un segno che dimostra la massima apertura possibile nei confronti dei cittadini che vogliono comunicare con l’istituzione – ha dichiarato completamente in italiano – Poi crediamo di fornire comunque un servizio utile alle fasce deboli, soprattutto gli anziani che parlano il dialetto ogni giorno». Qualcuno, ovviamente, ha interpretato la cosa come un cedimento al vento del nord alimentato dal successo della Lega alle ultime elezioni politiche. «Non è una questione politica – glissa Bruni – L’idea di difendere il nostro dialetto è valida di per sé». E «the voice» padana? Trabocca soddisfazione. «Sono stato invitato a tradurre e l’ ho fatto con piacere – commenta Peverelli -. D’altronde, per me la lingua madre è il dialetto. L’italiano è la lingua straniera. Adès te salüdi».

(Dal Corriere della Sera, 8/5/2008).

Questo messaggio è stato modificato da: Daniela_Giglioli, 16 Mag 2008 – 19:06 [addsig]




2 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

Nuovo centralino telefonico<br /><br />
<br /><br />
«Comün de Còmm» L'assessore risponde in dialetto<br /><br />
<br /><br />
di Emanuele Caso<br /><br />
<br /><br />
«Schiscia ul butùn dü par sentì la cumunicaziun in dialet cumasch». Per ascoltare in viva voce questo piccolo esempio di dialetto lariano «doc», da ieri basta chiamare il centralino del Comune di Como e, come da istruzioni, schiacciare il bottone 2 sulla tastiera del telefono. Sul Lario, infatti, il vernacolo è diventato lingua ufficiale, o quasi, dell'istituzione. Merito di un «combinato disposto» alquanto particolare: un nuovo e futuristico sistema automatico di risposta alle chiamate dei cittadini, mescolato con la più antica lingua del lago di Como. Una volta composto il numero di Palazzo Cernezzi (031.2521) si possono scegliere tre soluzioni per ascoltare dal disco registrato le informazioni sui vari servizi pubblici: l'italiano, l'inglese e, appunto, il dialetto. E non è finita. Perché l'interprete d'eccezione è un leghista purosangue come Diego Peverelli, assessore - ovviamente - al Verde. Noto in tutta la città per il carattere esplosivo e le caratteristiche sfuriate in un impeccabile dialetto, Peverelli ha tradotto la registrazione in italiano con scrupolo filologico. E così il benvenuto è diventato «benvegnü», le prestazioni si sono tramutate in «prestaziùn», le tasse ne «i tàss» e così via. L'utilità dell'innovazione tecnologica l' ha spiegata il sindaco Stefano Bruni: «Innanzitutto è un segno che dimostra la massima apertura possibile nei confronti dei cittadini che vogliono comunicare con l'istituzione - ha dichiarato completamente in italiano - Poi crediamo di fornire comunque un servizio utile alle fasce deboli, soprattutto gli anziani che parlano il dialetto ogni giorno». Qualcuno, ovviamente, ha interpretato la cosa come un cedimento al vento del nord alimentato dal successo della Lega alle ultime elezioni politiche. «Non è una questione politica - glissa Bruni - L'idea di difendere il nostro dialetto è valida di per sé». E «the voice» padana? Trabocca soddisfazione. «Sono stato invitato a tradurre e l' ho fatto con piacere - commenta Peverelli -. D'altronde, per me la lingua madre è il dialetto. L'italiano è la lingua straniera. Adès te salüdi».<br /><br />
(Dal Corriere della Sera, 8/5/2008).<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<!-- editby --><br /><br /><i>Questo messaggio è stato modificato da: Daniela_Giglioli, 16 Mag 2008 - 19:06 </i><!-- end editby -->[addsig]

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

Nuovo centralino telefonico<br /><br />
<br /><br />
«Comün de Còmm» L'assessore risponde in dialetto<br /><br />
<br /><br />
di Emanuele Caso<br /><br />
<br /><br />
«Schiscia ul butùn dü par sentì la cumunicaziun in dialet cumasch». Per ascoltare in viva voce questo piccolo esempio di dialetto lariano «doc», da ieri basta chiamare il centralino del Comune di Como e, come da istruzioni, schiacciare il bottone 2 sulla tastiera del telefono. Sul Lario, infatti, il vernacolo è diventato lingua ufficiale, o quasi, dell'istituzione. Merito di un «combinato disposto» alquanto particolare: un nuovo e futuristico sistema automatico di risposta alle chiamate dei cittadini, mescolato con la più antica lingua del lago di Como. Una volta composto il numero di Palazzo Cernezzi (031.2521) si possono scegliere tre soluzioni per ascoltare dal disco registrato le informazioni sui vari servizi pubblici: l'italiano, l'inglese e, appunto, il dialetto. E non è finita. Perché l'interprete d'eccezione è un leghista purosangue come Diego Peverelli, assessore - ovviamente - al Verde. Noto in tutta la città per il carattere esplosivo e le caratteristiche sfuriate in un impeccabile dialetto, Peverelli ha tradotto la registrazione in italiano con scrupolo filologico. E così il benvenuto è diventato «benvegnü», le prestazioni si sono tramutate in «prestaziùn», le tasse ne «i tàss» e così via. L'utilità dell'innovazione tecnologica l' ha spiegata il sindaco Stefano Bruni: «Innanzitutto è un segno che dimostra la massima apertura possibile nei confronti dei cittadini che vogliono comunicare con l'istituzione - ha dichiarato completamente in italiano - Poi crediamo di fornire comunque un servizio utile alle fasce deboli, soprattutto gli anziani che parlano il dialetto ogni giorno». Qualcuno, ovviamente, ha interpretato la cosa come un cedimento al vento del nord alimentato dal successo della Lega alle ultime elezioni politiche. «Non è una questione politica - glissa Bruni - L'idea di difendere il nostro dialetto è valida di per sé». E «the voice» padana? Trabocca soddisfazione. «Sono stato invitato a tradurre e l' ho fatto con piacere - commenta Peverelli -. D'altronde, per me la lingua madre è il dialetto. L'italiano è la lingua straniera. Adès te salüdi».<br /><br />
(Dal Corriere della Sera, 8/5/2008).<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<!-- editby --><br /><br /><i>Questo messaggio è stato modificato da: Daniela_Giglioli, 16 Mag 2008 - 19:06 </i><!-- end editby -->[addsig]

You need or account to post comment.