Danuta Hübner: l’inglese non potrà più essere lingua ufficiale dell’Ue dopo la Brexit.

Posted on in Europa e oltre 3 vedi

L’inglese non potrà più essere lingua ufficiale dell’Ue dopo la Brexit.

Nessun’altro Paese europeo ha registrato l’inglese come propria lingua ufficiale, pertanto essa perderà il suo status.

Di HORTENSE GOULARD | lunedì 27 giugno 2016 | www.politico.eu

Danuta Hübner, Capo Comitato per gli affari costituzionali del Parlamento europeo (AFCO), ha avvertito Lunedì che l’inglese non sarà una delle lingue ufficiali dell’Unione europea dopo che la Gran Bretagna lascerà l’UE. 

L’inglese è una delle 24 lingue ufficiali dell’UE, perché il Regno Unito l’ha identificata come la propria lingua ufficiale, ha detto la Hübner. Ma non appena il Regno Unito completerà le procedure per il distacco dall’Unione europea, l’inglese potrebbe perdere il suo status.

“Abbiamo un regolamento in cui ogni Paese dell’Unione europea ha il diritto di notificare una lingua ufficiale,” ha detto Hübner. “Gli irlandesi hanno notificato il gaelico, e i maltesi hanno notificato il Maltese, solo il Regno Unito ha notificato l’inglese.”

“Se non abbiamo il Regno Unito, non abbiamo l’inglese”, ha detto la Hübner.

L’inglese è una delle lingue di lavoro delle istituzioni europee, Hübner ha detto, aggiungendo: “In realtà è la lingua dominante,” quella più frequentemente utilizzata dai funzionari europei.

Il Regolamento che elenca le lingue ufficiali dell’UE dovrebbe essere modificato all’unanimità da tutti gli altri paesi rimanenti, se si volesse mantenere l’inglese come lingua ufficiale, ha sottolineato la Hübner.

Tuttavia, una fonte UE ha spiegato che il regolamento che disciplina le lingue ufficiali è, a sua volta, oggetto di più di una traduzione. Il regolamento del 1958, per quanto riguarda le lingue ufficiali dell’Unione europea, scritto originariamente in francese, non dice chiaramente se un paese membro – Irlanda o Malta per esempio – può avere più di una lingua ufficiale.

L’interpretazione del testo francese tende a concludere che questo potrebbe essere possibile, mentre la versione inglese sembra escluderlo.

Quando l’Irlanda e Malta hanno aderito all’Ue, l’inglese era già una lingua ufficiale, questo è il motivo per cui i due paesi hanno chiesto che il Gaelico ed il Maltese venissero aggiunte alla lista. [Questa, in realtà, è un’illazione, peraltro priva di fondamento in quanto nella costituzione di entrambi gli stati le prime loro lingue ufficiali sono il gaelico e il maltese, del resto nessuna ex colonia metterebbe al primo posto la lingua del Pese colonizzatore. NdT]

“Se uno Stato membro ha più di una lingua ufficiale, la lingua utilizzata deve, su richiesta di tale stato, esse disciplinata dalle norme generali del suo diritto”, dice il regolamento.

“I regimi linguistici delle istituzioni dell’Unione europea devono essere determinati dal Consiglio, che delibera all’unanimità per mezzo di un regolamento” [Cfr. Art. 342 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, NdT] ha detto un portavoce della Commissione europea, aggiungendo che le regole “sono state modificate a più riprese per tener conto dei diversi allargamenti.”

La Commissione ha già iniziato a utilizzare francese e tedesco più spesso nelle sue comunicazioni esterne, come una mossa simbolica, dopo che la Gran Bretagna ha votato per lasciare l’UE giovedì scorso, secondo il  Wall Street Journal.

Nel mentre il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Eugenio Giani, propone che l’italiano diventi una delle lingue ufficiali dell’UE. “Non abbiamo difeso la nostra lingua come avremmo dovuto, sia sul continente europeo che nel mondo”, ha detto Giani dopo il risultato del referendum britannico.




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.