Dagli archivi di Fernando Pessoa (1888 – 1935): la guerra del futuro sarà sulla lingua.

Posted on in Politica e lingue 23 vedi

Archivi/1.

La guerra del futuro sarà sulla lingua.

di Fernando Pessoa.

La vera grande guerra del futuro sarà la lotta per la lingua che diventerà il linguaggio della civiltà europea, rendendola identificabile in futuro, quando la nostra civiltà sarà già morta, come la civiltà antica è identificabile nel greco. Tutti i veri grandi conflitti sono conflitti culturali. Nel comparire di entità così rudimentali e artificiali come le “lingue internazionali”, si vede emergere la tendenza che determinerà il conflitto e che forse lo determinerà ancora per molto tempo.
  In definitiva, le condizioni di vittoria sono: (1) grande letteratura, (2) efficacia e perfezione della lingua, affinché essa costituisca un allenamento per la mente, (3) auto-sufficienza della lingua, cioè che la lingua sia sufficiente per tutti gli scopi culturali. (Flessibilità e adattabilità della lingua nel tradurre le altre, affinché non vi sia necessità di imparare le altre lingue per leggere la grande letteratura in versione originale).
  La “grande letteratura” è una cosa meno facile da definire di quanto sembri a prima vista. Può significare una letteratura che contiene grandissimi nomi; può significare una letteratura che contiene molti grandissimi nomi; può significare una letteratura che contiene una grande varietà di grandi libri.
  La letteratura italiana contiene diversi grandissimi nomi, ma non contiene molti grandi nomi nel suo complesso. La letteratura francese contiene molti grandi nomi, ma è un punto discutibile se contenga un singolo nome di primissimo rango – un nome che meriti di stare assieme a quello di Omero o di Shakespeare o di Dante. Inoltre , la letteratura francese è estremamente varia, ma non tanto varia come quella inglese, poiché l’estrema rigidità del francese impedisce qualunque grande oscillazione nelle sottigliezze, liriche o di altro tipo. Non si può tradurre “We are such stuff…” di Shakespeare in francese con nulla che un uomo assennato possa chiamare una traduzione di successo.
(Da La Lettura (Corriere della Sera), 2/3/2014).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.