Cosa può guadagnare l’Europa dal futuro (possibile) asse tra Roma e Berlino

Posted on in Europa e oltre 14 vedi

L'implosione della diarchia franco-tedesca sta creando uno spazio di convergenza tra Germania e Italia. Parigi non riesce ad aderire al criterio tedesco di ordine economico perché la sua forza industriale è insufficiente per bilanciare l'inefficienza del modello sociale. Ciò implica un deficit di bilancio endemico che impedirà alla Francia l'inclusione in un'Eurozona più integrata. Piani di austerità come quelli applicati in Germania e in Italia comporterebbero in Francia reazioni violente sia per una tradizione ribellista diffusa nella popolazione sia perché il 10 per cento di essa è fatta da islamici, concentrati in compound ad omogeneità etnica, è pronta a esplodere in caso di minore assistenzialismo. Germania e Italia, invece, condividono una popolazione non incline a ribellioni di massa, la non ricattabilità da parte degli immigrati ed una forza industriale maggiore. Nel momento in cui Berlino vede il vantaggio di un'Eurozona più integrata, perché ciò moltiplicherebbe il potere nazionale, cioè la renderebbe Reich, la Francia ha l'interesse contrario perché non ce la farebbe ad aderire agli standard. In sintesi, Parigi non può essere il partner di Berlino per la formazione del nuovo Reich mentre l'Italia potrebbe esserlo. Ciò non sfugge agli strateghi di Berlino, uno dei motivi per cui Monti è stato mobilitato, mentre i think tank italiani sono in ritardo nel valutare costi e benefici dell`ipotesi. Lo scenario preliminare mostra vantaggi, ma a date condizioni: (a) convergenza in cambio di una garanzia più estesa del debito italiano; (b) accordo di spartizione per la conquista dei mercati russo, centroasiatico e asiatico nonché mediterraneo e africano, gli ultimi due a prevalenza penetrativa italiana; (c) sostegno di Berlino a una posizione di Roma come centro del mercato mediterraneo, cosa che la renderebbe proconsole americano e ridurrebbe l`influenza francese e inglese nell'area, in cambio del supporto dell'Italia alla Germania come leader dell'Eurozona, per esempio permettendo alla Francia di truccare i bilanci in cambio di una riduzione delle ambizioni. Il costo sarebbe: (1) una posizione di sospetto dell'America nei confronti dell'Italia, che impedirebbe il vantaggio proconsolare, perché Berlino fa asse con Pechino mentre Washington la vuole contenere; (2) la strutturazione dell'Eurozona distruggerebbe la Ue, pur non formalmente, allontanando Regno Unito, Polonia e altri che a quel punto troverebbero vantaggioso entrare in accordi di libero scambio con l'America, cosa che limiterebbe l'Eurozona stessa e frammenterebbe il mercato europeo con impatto di concorrenza a danno di Germania e Italia, ambedue potenze manifatturiere con costi sistemici elevati. Roma potrebbe avere vantaggi da una convergenza con Berlino, ma solo se in pieno accordo con l'America. Non facile, ma non infattibile. Per questo è razionale formare una Democrazia cristiana maggioritaria in Italia simmetrica a quella tedesca per ottenere una convergenza politica bilaterale che poi possa calibrare quella tra stati e il dialogo con i repubblicani americani. Monti sembra su questa linea, ma per realizzarla dovrebbe mettere un confine più netto a sinistra e includere la destra del popolarismo per rendere la Dc italiana simmetrica a quella tedesca e al centrodestra statunitense, premessa basica per la convergenza tripartita che sarebbe vantaggio certo per l'Italia. Se non lo capirà o non vorrà o fallirà.

Carlo Pelanda
Il Foglio – 08/01/2013




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.