Consiglio di Sicurezza: importanza della questione linguistica nelle operazioni internazionali

Posted on in Politica e lingue 10 vedi

In occasione della seduta odierna del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul ruolo e sulla possibile riforma delle operazioni di mantenimento della pace, alcuni interventi come quello del Burkina Faso e della Francia, hanno posto l’accento sulla necessita’ di tener conto, nel momento in cui si definiscono i criteri di composizione delle forze militari e di polizia, anche dell’aspetto linguistico.

Il Rappresentante della Missione francese presso le Nazioni Unite ha, ad esempio, affermato che, per una maggiore efficacia ed anche per una maggiore credibilita’ internazionale delle operazioni, sia opportuno che i militari, prima della loro partenza, apprendano la lingua del posto in cui andranno ad intervenire. Infatti, soltanto in questo modo, si potra’ creare una vera e proficua interazione tra il personale della missione internazionale e la comunita’ locale e fare in modo che le finalita’ ispiratrici dell’operazione di mantenimento della pace possano essere piu’ facilmente realizzate.

Occorre quindi, secondo la Francia, uscire dalla logica delle “5 lingue ufficiali” di lavoro delle Nazioni Unite per dar vita ad una maggiore interazione tra l’Organizzazione e la complessa realta’ odierna.

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.