Conoscete le lingue? Ecco 320 offerte per voi‏

Posted on in Politica e lingue 6 vedi

CURRICULUM
Le selezioni da Smit Textile a Bosch fino a Ternium e Pirelli. Tra le posizioni aperte ci sono ingegneri e laureati in economia

Non di soli traduzione e interpretariato è fatto il mercato del lavoro per chi conosce due lingue straniere, tant’è che quest’anno, nel 13% delle 5.000 proposte rivolte dalle aziende agli studenti e ai neolaureati della Bocconi, si richiede oltre a un ottimo inglese anche una o addirittura altre due lingue straniere. Il fenomeno non sembra ancora esploso in Luiss dove è ancora sufficiente una sola lingua, anche se perfettamente conosciuta. Comunque i candidati che ne parlano due sono sempre osservati con interesse. Se invece consideriamo i corsi di laurea in lingue, 37 sono le richieste per chi sa due o meglio ancora tre lingue straniere, arrivate al servizio placement dell’università Ca’ Foscari. Una di queste è sempre l’inglese ma cresce l’attenzione per il russo e il cinese. Cinese, il cui interesse è confermato anche dalla Fondazione Italia-Cina che organizza career day (il prossimo a dicembre) e che allo scambio fra aziende e candidati ha dedicato un portale ad hoc (www.italychina-jobs.org).
3 commerciali
Fra le realtà interessate a candidati con un ottimo cinese, oltre che al solito inglese, c’è l’italiana Smit Textile – macchine tessili industriali – che cerca 3 commerciali (un senior con esperienza in meccanotessili e 2 junior periti tessili) e 2 tecnici esperti in tessitura e in elettronica, disponibili a trasferirsi (www.smit-textile.com). Otto sono invece le posizioni per chi conosce inglese e tedesco in Robert Bosch: stage nel cash management e figure di planning and controlling specialist, tecnico commerciale junior, buyer, resident engineer e testing engineer. Chiede invece inglese e francese a un futuro product manager e a un impiegato commerciale (www.bosch.it).

10 neolaureati
Sempre in ambito internazionale Ternium – società del Gruppo Techint – ha aperte le selezioni per 10 giovani ingegneri e laureati in economia e commercio, ottimo inglese, lingua locale ed una anzianità inferiore ai tre anni, da assumere in Brasile (www.ternium.com). Candidati con un buon bagaglio linguistico anche in Pirelli che cerca giovani e professional con solido background tecnico e/o di studi. Fra questi: ingegneri per la direzione ricerca e sviluppo con una esperienza analoga o nella progettazione impianti; esperti di digital marketing laureati in materie economiche/scienze dell’Informazione/scienze della Comunicazione e una persona con 2/3 anni di esperienza nella direzione supply chain (www.pirelli.com).

Una carriera però in cui le lingue, conosciute ad alto livello, diventano uno degli strumenti professionali essenziali è certamente nella diplomazia. Il concorso per accedervi (bandito ogni anno intorno a marzo per una trentina di persone) richiede infatti la perfetta conoscenza dell’inglese ma anche di francese, spagnolo e tedesco e, titolo preferenziale, di un’altra lingua europea o extraeuropea. Opportunità interessante per poliglotti è anche il concorso per traduttori e interpreti della comunità europea, chiuso però purtroppo il mese scorso. Per quanto riguarda le organizzazioni internazionali in generale, in questi giorni sono 81 le vacancy per senior riportate sul sito del ministero degli Esteri (www.esteri.it, ma anche www.epso.eu, l’ufficio europeo per la selezione del personale).

Lingue indispensabili anche per occuparsi di brevetti. Epo, l’Istituto europeo dei brevetti, riporta 116 ricerche per esaminatori e altre figure professionali (www.epo.org). Inglese, francese e tedesco ma sempre di più anche spagnolo, russo, giapponese e cinese, sono fondamentali in Europ Assistance, che desidera inserire a Milano 50 specialisti dell’assistenza medica e stradale (www.europassistance.it). Infine, per quanto riguarda le agenzie per il lavoro, Open jobs e Metis hanno aperte 50 ricerche, principalmente per export manager e figure commerciali che conoscano almeno due lingue e abbiano voglia di viaggiare.

Luisa Adani
16 settembre 2011 12:09

Corriere della Sera




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.