Conferenza Mondiale delle donne indigene: garanzie sanitarie e autodeterminazione

Conferenza Mondiale delle donne indigene: garanzie sanitarie e autodeterminazione

TRADUZIONI DI E. INTRA E S. GLIEDMAN

 

Il 2 ottobre scorso, nella cittadina messicana di San Felipe, una donna locale  ha partorito su un prato, dopo essersi vista negare il ricovero da un’infermiera del Rural Health Center, la clinica a cui lei e il marito si erano rivolti per ricevere assistenza.  

 Le grida della donna hanno attirato una folla di curiosi, tra cui l’autore della foto che ha fatto il giro del mondo, suscitando una tempesta di polemiche.  

Irma Lopez, 29 anni e appartenente all’etnia dei Mazatechi ha raccontato di essersi fatta accompagnare all’ospedale dal marito. Pur se i due non parlano bene lo spagnolo, non c’è modo di fraintendere il “no” dell’infermiera, che li ha mandati via dicendo che la donna era solo all’ottavo mese di gravidanza, per cui non era necessario il ricovero. 

 Un’ora e mezza dopo comunque le acque si sono rotte: la giovane si è accovacciata su uno spiazzo erboso e ha dato alla luce un maschietto. La donna ha poi raccontato di aver camminato per un’ora dalla sua capanna sulle montagne a nord di Oaxaca fino alla clinica. Dall’esperienza con i suoi due precedenti parti, la donna sapeva che avrebbe richiesto più tempo raggungere l’austostrada e trovare un passaggio fino all’ospedale. 

Vista la gravità dell’episodio, il Governo dello Stato di Oaxaca ha sospeso il dottor Adrian Cruz, direttore della clinica. 

 

Silvia Flores, sindaco dell’ormai tristemente famosa cittadina, ha riferito che si tratta del secondo episodio quest’anno: a luglio un’altra donna indigena aveva partorito sul prato.  

 Commentando l’immagine di Irma, Mayra Morales, membro del National Network for Sexual and Reproductive Rights, afferma: “Questa foto mette in luce un problema strutturale di più larga portata che affligge le comunità indigene: le donne non ricevono assistenza adeguata. Non possono accedere a servizi sanitari di qualità.”  

Il Dipartimento federale della sanità ha annunciato l’avvio di un’inchiesta, come anche la Commissione Nazionale per i Diritti Umani, anche in base al dato allarmante per cui nello stato di Oaxaca quasi una donna su cinque nel 2011 ha dato luce a un figlio in un posto che non era né un ospedale né una clinica. 

 E proprio la scarsa assistenza sanitaria sarà uno dei temi trattati nel corso della Conferenza Mondiale delle Donne Indigene che si terrà tra il 28-30 ottobre a Lima, un evento che riunirà più di 200 native provenienti da Africa, Artico, Asia, America Latina, Nord America, Pacifico e Russia.  

(Da lastampa.it, 16/10/2013).

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.