concorsi lingua straniera e computer

Posted on in Politica e lingue 5 vedi

DAL P2000 PER CONCORSI LINGUA STRANIERA E COMPUTER

ROMA, 22 SET(ANSA) – ASPIRI AD UN POSTO NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE? SE NON CONOSCI ALMENO UNA LINGUA STRANIERA E NON SAI USARE IL COMPUTER HAI TEMPO ANCORA UN ANNO PER COLMARE TALI LACUNE. DAL PRIMO GENNAIO DEL 2000, INFATTI, QUESTI DUE REQUISITI SARANNO NECESSARI PER PARTECIPARE AI CONCORSI PUBBLICI. E’ UNA DELLE NOVITA’ CONTENUTE NEL DECRETO DELEGATO VARATO LA SCORSA SETTIMANA DAL GOVERNO SU PROPOSTA DEL MINISTRO BASSANINI E ORA ALL’ESAME DEL PARLAMENTO CHE MODIFICA ED INTEGRA LA RIFORMA DEL ’93 CHE HA PRIVATIZZATO IL RAPPORTO DI LAVORO DEI DIPENDENTI PUBBLICI.

MA IL DECRETO DISCIPLINA ANCHE L’ACCESSO AL NUOVO RUOLO UNICO DEI DIRIGENTI CHE AVVERRA’ ESCLUSIVAMENTE PER CONCORSO. I VINCITORI, PRIMA DI ASSUMERE IL PRIMO INCARICO, SARANNO SOTTOPOSTI AD UN PERIODO DI FORMAZIONE CON TANTO DI STAGES ALL’ESTERO. MA NOVITA’ IN QUESTO SENSO SONO PREVISTE ANCHE GLI ALTRI FUNZIONARI PUBBLICI CHE POTRANNO ESSERE DESTINATI A PRESTARE TEMPORANEAMENTE SERVIZIO PRESSO AMMINISTRAZIONI EUROPEE ALLO SCOPO DI FAVORIRE LO SCAMBIO INTERNAZIONALE DI ESPERIENZE AMMINISTRATIVE.

ECCO, IN SINTESI, LE NOVITA’ PRINCIPALI DEL DECRETO: DAL 2000 TRAVET PARLA INGLESE (O ALTRA LINGUA) E USA IL COMPUTER: I REQUISITI VALGONO PER TUTTI. SOLO PER IL PERSONALE DELLE QUALIFICHE PIU’ BASSE POTRANNO ESSERCI ECCEZIONI.

FORMAZIONE POST-CONCORSI E STAGES PER NEODIRIGENTI: PREVISTE DUE PROCEDURE CONCORSUALI PER ACCEDERE ALLA DIRIGENZA. A) POSSONO PARTECIPARVI, TRA GLI ALTRI, DIPENDENTI DI RUOLO CON LAUREA E CINQUE ANNI DI SERVIZIO (QUATTRO PER CHI E’ STATO RECLUTATO CON IL ”CORSO-CONCORSO”) SVOLTO IN POSIZIONI FUNZIONALI PER L’ACCESSO; B) CHI, OLTRE ALLA LAUREA, E’ IN POSSESSO DI UN DIPLOMA DI SPECIALIZZAZIONE O DOTTORATO DI RICERCA O DI UN ALTRO TITOLO POST-UNIVERSITARIO RILASCIATO DA ISTITUTI RICONOSCIUTI. PER I VINCITORI E’ PREVISTA LA FORMAZIONE POST-CONCORSO DA PARTE DELLA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, COMPRENSIVA DI STAGES PRESSO AMMINISTRAZIONI STRANIERE, ISTITUZIONI INTERNAZIONALI E AZIENDE PRIVATE. – FUNZIONARI ALL’ESTERO PER PERIODI TEMPORANEI: SARA’ CONCESSO AI DIPENDENTI DI PRESTARE SERVIZIO TEMPORANEO PRESSO AMMINISTRAZIONI ESTERE, ORGANISMI DELL’UNIONE EUROPEA O ENTI INTERNAZIONALI A CUI L’ITALIA ADERISCE. CIO’ AVVERRA’ IN BASE AD APPOSITI ACCORDI INTERNAZIONALI. L’OBIETTIVO E’ QUELLO DI FAVORIRE LO SCAMBIO INTERNAZIONALE DI ESPERIENZE AMMINISTRATIVE.

IL DECRETO, INFINE, POTENZIA L’ISTITUTO DELLA CONCILIAZIONE OBBLIGATORIA NELLE CONTROVERSIE DI LAVORO, MENTRE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA’ SI ASSICURA L’APPLICAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO E DELLE DIRETTIVE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. (ANSA).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.