Ciampi: "l’identità nazionale ha le sue radici nella formazione della lingua italiana",

Posted on in Politica e lingue 13 vedi

I gruppo di garanti guidato da Ciampi delle celebrazioni dei 150 anniRiscritto il progetto Bondi, si sottolinea l'identità e la coesione nazionale

La rivincita dell'Unità d'ItaliaIl comitato ribalta l'impianto 'leghista'

di SIMONETTA FIORI

Sono i Garanti dell'Italia unita, al loro compito cercano di rimanere fedeli. Così il nuovo documento proposto da un gruppo di studiosi raccolti intorno al presidente Carlo Azeglio Ciampi ha proprio il sapore di una correzione rispetto alle linee-guida presentate un mese fa dal ministro Bondi. Cominceranno il 17 marzo del 2011 le celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia. La data di avvio è stata proposta dal Comitato dei Garanti, che ieri ha reso pubblico il suo documento con i “suggerimenti” per il ministro Bondi. La rilevanza politica di questo nuovo atto consiste nel contrapporre alla “disunità” enfatizzata nelle linee guida del ministero, influenzato dai mal di pancia di Bossi (i localismi, la valorizzazione dei dialetti, le ombre del processo risorgimentale), una lettura che invece insiste sul carattere unitario della costruzione nazionale. E questo carattere unitario scaturisce da una tradizione storica che dal Risorgimento arriva alla Carta Costituzionale passando attraverso la stagione fondante della Resistenza. Quella che è emersa nei giorni scorsi dal Comitato dei Garanti – presieduto da Carlo Azeglio Ciampi e composto tra gli altri da Gustavo Zagrebelsky, Walter Barberis, Roberto Pertici, Simona Colarizi, Elena Aga Rossi, Ernesto Galli della Loggia – è una lettura della storia nazionale molto distante dagli umori della Lega o dalle interpretazioni neoguelfe cui pure è sensibile il presidente del Consiglio. Ora spetta al ministro Bondi tradurre in mostre, manifestazioni nelle scuole, musei virtuali e fiction televisive questa lettura dell'identità nazionale. Ci saranno i soldi? E, soprattutto, ci sarà la volontà politica di valorizzare un'interpretazione della storia italiana così estranea alla visione dei governanti?
Vediamolo in dettaglio questo bilanciamento. Intanto nel cappello del documento si specifica che queste celebrazioni devono trasmettere essenzialmente un “significato unitario”, ossia il “patrimonio di identità e di coesione nazionale che gli italiani hanno maturato nella loro storia”. Questo non significa trascurare “le difficoltà del percorso di formazione nazionale” o “problemi ancora irrisolti come il divario tra Nord e Sud” né significa appiattire “gli elementi di pluralità e diversità” molto esaltati dal ministro Bondi, ma tutti questi aspetti devono essere trattati entro una cornice solidamente unitaria, cementata da un'identità nazionale “che ha le sue radici nella formazione della lingua italiana”, scrive Ciampi, “e che negli ultimi due secoli s'è sviluppata in una continuità di ideali e valori dal Risorgimento alla Resistenza alla Costituzione Repubblicana”. Un capitolo centrale del documento investe le “istituzioni”, questione ignorata nelle precedenti celebrazioni dell'Unità d'Italia. “L'unità di un popolo”, vi si legge, “si misura sulla tenuta delle sue istituzioni, sulla capacità di fare di tante terre, distinte e anche lontane, un territorio integrato”. Parlare dell'unità d'Italia equivale dunque a parlare delle sue istituzioni unitarie, della loro attuale tenuta. Centocinquant'anni di trasformazioni profonde: “dalla monarchia alla repubblica; dall'oligarchia liberale alla democrazia aperta a tutte le classi; dallo Stato centralizzato alle autonomie territoriali, al federalismo; dalla emarginazione delle donne dalla vita pubblica e sociale alla loro partecipazione; dai diritti di libertà ai diritti sociali, la salute, il lavoro, l'istruzione; dallo Stato-guardiano allo Stato del benessere; dalla separazione società-Stato alla “nazionalizzazione delle masse”, allo Stato pluralista; dallo Stato confessionale alla laicità dello Stato”. Il “documento riassuntivo” di questo percorso è la Costituzione, che dovrebbe assurgere a simbolo delle celebrazioni unitarie. Da queste considerazioni discende un'altra integrazione suggerita a Bondi dai Garanti: le manifestazioni non dovrebbero essere circoscritte al solo Risorgimento. La ricorrenza del 2011 investe la “vicenda italiana in tutta la sua unitarietà e interezza”: non solo dunque la lotta per l'indipendenza, ma anche il successivo consolidarsi dell'identità italiana lungo un secolo e mezzo, con speciale attenzione “al tratto del percorso unitario compreso negli ultimi sessant'anni”. In questo quadro di riferimento – che valorizza anche la crescita di benessere legato al lavoro, il ruolo delle Forze Armate, la storia di genere – si potranno pure affrontare i singoli episodi, personaggi e luoghi geografici indicati dalla precedente bozza di Bondi (viaggi nella storia locale italiana, ritratti di statisti e artisti eminenti, luoghi delle memoria, targhe e monumenti riscoperti e puliti), elementi che tuttavia, sprovvisti della cornice unitaria, non sono più funzionali allo spirito delle celebrazioni. Conseguente a questa impostazione è anche la riflessione sui dialetti. “La valorizzazione delle lingue particolari”, si legge nel documento, “è un fatto positivo se serve alla pluralità nell'unità; non ha invece alcuna relazione con le celebrazioni dell'Unità d'Italia, è anzi controproducente, se si riduce alla pura e semplice coltivazione di culture locali chiuse in sé, a vocazione folcloristica”. Bondi aveva proposto il “censimento dei dizionari dialettali”. Una “priorità dubbia”, liquida il Comitato. Al momento Bossi è servito. La palla ora passa al ministero. http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/politica/unita-italia/progetto-cambia/progetto-cambia.html

Questo messaggio è stato modificato da: annarita, 07 Ott 2009 – 22:16 [addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.