CELLULE: ITALIANI SCOPRONO IL LORO LINGUAGGIO

Posted on in Politica e lingue 9 vedi

CELLULE: ITALIANI SCOPRONO IL LORO LINGUAGGIO =

MILANO, 11 SET. (ADNKRONOS/ADNKRONOS SALUTE) – LE CELLULE UMANE PER COMUNICARE TRA DI LORO USANO UN LINGUAGGIO COMUNE, UNA SORTA DI ESPERANTO, IN GRADO DI ESSERE COMPRESO DA TUTTE LE ALTRE. PIU’ SONO OPERATIVE E LAVORANO, PIU’ COMUNICANO. E’ IL RISULTATO CHE EMERGE DAL LAVORO CONDOTTO DAL DIBIT DELL’ISTITUTO SAN RAFFAELE, IN COLLABORAZIONE CON IL CNR DI MILANO E L’INDUSTRIA TECNOGEN, E PUBBLICATO SUL PROSSIMO NUMERO DI SCIENCE.
”LE CELLULE – SPIEGA ROBERTO SITIA, COORDINATORE DELLO STUDIO – UTILIZZANO PICCOLI E SEMPLICI MESSAGGI PER FAR SAPERE QUANTO STANNO LAVORANDO, QUANTO SONO ATTIVE, INDIPENDENTEMENTE DAL TIPO DI ATTIVITA’ CHE STANNO SVOLGENDO. PIU’ UNA CELLULA E’ IMPEGNATA NELLA PRODUZIONE DI CERTE PROTEINE, E PIU’ TIOLI (CIOE’ CISTEINA E GLUTATIONE, CHE SONO LE SOSTANZE UTILIZZATE PER COMUNICARE) RILASCERA’ NELL’AMBIENTE CIRCOSTANTE, INFORMANDO LE CELLULE VICINE CHE, NEI PARAGGI, C’E’ QUALCUNO CHE SI STA ‘DANDO DA FARE”’.
L’ASPETTO PIU’ INTERESSANTE CHE EMERGE DALLO STUDIO E’ CHE LE PROTEINE LANCIANO MESSAGGI IN LINGUE DIVERSE E INTERPRETABILI SOLO DA CELLULE ALTAMENTE SPECIALIZZATE, E CONTEMPORANEAMENTE UN ALTRO SEGNALE, ATTRAVERSO CISTEINA E GLUTATIONE, CHE E’ INVECE RICONOSCIBILE DALLA GRANDISSIMA MAGGIORANZA DELLE CELLULE. I TIOLI, BANALIZZANDO, AGISCONO COME I SEGNI DI STANCHEZZA EVIDENTI SU UN TENNISTA AL TERMINE DI UNA PARTITA. ”APPAIONO PROPRIO COME UN SEGNALE GENERALE – PROSEGUE SITIA – CHE PERMETTE ALLE CELLULE DI CLASSIFICARE A PRIMA VISTA, SENZA NECESSITA’ DI INDAGINI APPROFONDITE, LO STATO D’ANIMO DELLE LORO COLLEGHE (UN TENNISTA STANCO PROBABILMENTE RIFIUTEREBBE L’INVITO A ENTRARE DI NUOVO IN CAMPO)”.
LA SCOPERTA APRE LA STRADA ALLA SPIEGAZIONE DI ALCUNI IMPORTANTI FENOMENI BIOLOGICI. ”AD ESEMPIO, LA MOLTIPLICAZIONE DELLE CELLULE CHE PRODUCONO ANTICORPI E’ FAVORITA DALLA PRESENZA DI TIOLI. SI INTRAVVEDE QUINDI L’ESISTENZA DI UN CIRCOLO VIRTUOSO IN CUI LA PRODUZIONE DI ANTICORPI FAVORISCE LA SECREZIONE DI TIOLI, CHE A SUA VOLTA FAVORISCE LA PRODUZIONE DI ANTICORPI, E COSI’ DI SEGUITO. LA POSSIBILITA’ DI INTERFERIRE NEL LINGUAGGIO DELLE CELLULE PUO’ APRIRE LA STRADA A NUMEROSE APPLICAZIONI PRATICHE NELL’INDUSTRIA BIOTECNOLOGICA, NELLA FARMACOLOGIA E NELLA CLINICA. GIA’ OGGI – CONCLUDE IL RICERCATORE – NEGLI STATI UNITI SONO STATI ATTIVATI
ALCUNI PROTOCOLLI SPERIMENTALI PER UTILIZZARE I TIOLI COME FARMACI IN ALCUNE IMMUNODEFICIENZE”.
11-SET-97




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.