Cameron: «Imparate l’inglese o via i sussidi»‏

Posted on in Politica e lingue 14 vedi

Il premier britannico minaccia gli immigrati: dovranno dimostrare una buona conoscenza della lingua
LONDRA – Imparate l’inglese o via i sussidi: il primo ministro David Cameron ha minacciato gli immigrati che tirano avanti grazie al welfare che il governo chiuderà i cordoni della borsa se non dimostreranno una buona conoscenza della lingua più parlata nel Regno Unito.
Il premier britannico ne ha fatto una questione di buon senso in una giornata particolarmente negativa sul fronte dell’occupazione: un esercito di giovani senza lavoro ha contribuito all’aumento più alto della disoccupazione degli ultimi due anni. Tra i disoccupati, ha osservato Cameron, 70mila circa sono penalizzati da una scarsa conoscenza dell’inglese: «Dobbiamo liberarci dalla vecchia idea che puoi ricevere aiuti dallo Stato senza condizioni. C’è qualcosa che potete fare per trovare lavoro, e essere capaci di parlare l’inglese è tra queste», ha detto il premier. La riforma prevede che gli uffici di collocamento possano ordinare agli aspiranti lavoratori di seguire corsi di lingua se si scopre che non parlano o parlano male l’inglese. Per Cameron, che fa la corte all’ala destra dei Tory con proposte che riconducano l’immigrazione ai livelli degli anni ‘80, è un vecchio pallino preso a prestito dalla riforma dell’immigrazione lanciata qualche anno fa dall’amministrazione Bush. La scorsa primavera l’inquilino di 10 Downing Street aveva sostenuto che chi entra nel Regno Unito deve imparare l’inglese: se non lo fa, o se resiste a integrarsi, rischia di costituire un problema per la società britannica. Se invece gli immigrati parlano inglese «è buono per loro ed è buono per il contribuente perché non sprechiamo più i fondi del welfare. È buono anche per l’economia perché vogliamo più gente al lavoro che renda l’economia più forte e produttiva».

Corriere Canadese




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.