“Burocratese” non tradotto

Posted on in Politica e lingue 21 vedi

Assolto per non aver compreso la lingua italiana

Gli uffici pubblici si esprimono in “burocratese”: un linguaggio spesso troppo complicato e non comprensibile già agli italiani

H.K. un 39enne di origini straniere riceve un “biglietto di invito” da parte della Polizia Municipale, che gli chiede di “presentarsi presso l’Ufficio Stranieri del Commissariato di P.S di Avezzano”.
Ma la terminologia con cui si esprime la burocrazia troppo spesso risulta di non facile comprensione già per gli italiani, immaginiamo un cittadino straniero quali difficoltà incontri nel cercare di comprendere quelle frasi arrovellate.
Il biglietto, infatti, segnalava che “non presentandosi all’appuntamento” H.K. “sarebbe stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria”. Ma l’uomo – ovviamente – non ha capito neanche quell’avvertimento.
Oggi, il Tribunale Penale Monocratico di Avezzano, nella persona del Giudice Elvio Albanese lo ha assolto per il reato disciplinato all’art. 650 c.p. (vale a dire l’inosservanza dei provvedimenti della Pubblica Autorità). I suoi difensori, gli avvocati Luca e Pasquale Motta, hanno dimostrato che H.K. non conosceva l’italiano e pertanto non era in grado di comprendere la comunicazione contenuta nell’invito a comparire, né il tono.
L’Amministrazione pubblica ha, quindi, l’obbligo di rendere comprensibile la comunicazione al destinatario.
La mancata traduzione dell’ordine/invito comporta l’insussistenza del reato, per mancanza del cosiddetto elemento psicologico: lo straniero non è stato in grado di percepire il precetto e quindi non ha avuto la coscienza e la volontà di trasgredire.
Il Pubblico Ministero Alessia Marchione, terminata la fase istruttoria, ha preso atto della mancanza di premeditazione nel commettere il reato da parte dello straniero e – concordando con i difensori – ha richiesto l’assoluzione.
(Da terremarsicane.it, 31/10/2013).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.