BRIDGES TO ITALY, UN PONTE ANCHE CON L’EUROPA‏

Posted on in Politica e lingue 3 vedi

Si è tenuto nei giorni scorsi l’incontro, presso la sede dell’associazione Bridge to Italy , tra Domenico Quaglio, Presidente della sede cosentina dell’associazione e Gianni Pittella, vice Presidente vicario del Parlamento europeo. Scopo della visita dell’eroparlamentare lucano è stato quello che stabilire se ci sono le condizioni per una proficua collaborazione con questa nuova realtà calabrese che mira a sostenere l’attività delle start up del Meridione ed a garantire piena visibilità alle stesse sia in Italia che negli USA. Dopo una breve presentazione Quaglio ha illustrato la mission e le attività svolte di recente da Bridge sto Italy, come il concorso per giovani imprenditori “Cervelli in movimento” che, in controtendenza rispetto al fenomeno dei cosiddetti cervelli in fuga, ha l’obiettivo di finanziare le idee innovative di giovani ricercatori che hanno la possibilità di ricevere assistenza nella fase dell’industrializzazione del loro lavoro. A fine estate la giuria internazionale, presieduta da Sandra Savaglio decreterà il vincitore che avrà l’opportunità di trascorrere 10 giorni nella sede americana di BtI, a Los Angeles, durante i quali avrà modo di presentare la propria idea imprenditoriale ad una serie di organizzazioni americane di business angels. Altra iniziativa molto apprezzata dall’illustre ospite di BtI è stata la visita di Mike Napoli, chairment di Tech Coast Angels che ha svolto, per i giovani imprenditori in gara, una produttiva e preziosa attività di mentoring. Pittella ha ascoltato con interesse la presentazione ed ha espresso apprezzamento per la bontà di un progetto che si prefigge l’obiettivo di rilanciare il Mezzogiorno partendo dall’innovazione. Nei prossimi giorni si avvierà una fase di dialogo più operativo tra BtI e la Fondazione Zefiro, presieduta dallo stesso Pittella. L’idea è quella di creare una rete tra Stati Uniti, Italia e Mediterraneo che possa lanciare progetti di sviluppo delle zone più disagiate del bacino del Mediterraneo attraverso il supporto della Comunità Europea e degli americani. Pittella ha offerta la propria disponibilità a far sì che si possa operare in sinergia anche con Meseuro, il Centro Europeo di politiche di sviluppo presieduto dai parlamentari Pittella (PD) e Mauro (PDL): una idea bypartisan che si sta traducendo in un ottimo strumento di confronto e di elaborazione di proposte concrete per l’utilizzo virtuoso dei fondi europei. Un appuntamento dunque a presto per formalizzare una collaborazione che si spera possa essere produttiva per il Sud Italia e per la Calabria.

Zeroventiquattro.it




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.