Bilancio UE: Basta sconti, sono madrelingua inglese!

Posted on in L'ERA comunica 17 vedi

“Gli Inglesi continuano a chiedere sconti sulla cifra da versare a favore del bilancio europeo, nonostante guadagnino 350 miliardi di euro l’anno grazie all’insegnamento della lingua inglese oltremanica, in un quadro di pura colonizzazione linguistica”. Esordisce così Giorgio Pagano, Segretario dell’Associazione Radicale Esperanto, all’avvio del summit che riunisce i capi di governo europei per approvare il prossimo bilancio.

 “Dal 1984 gli inglesi ottengono uno sconto sulla quota da versare alle casse Europee del 66% sul totale e ancora oggi continuano a chiedere sconti. Niente Sconti! Piuttosto dovremmo rivolgere un monito a tutti i Primi Ministri d’Europa e allo stesso Mario Monti i quali, favorendo l’assoggettamento linguistico all’inglese, favoriscono le casse del governo Britannico. Con la lingua federale europea solo l’Italia risparmierebbe ogni anno 60 miliardi di euro, e si eviterebbero iniziative assassine della lingua Italiana come quella del Politecnico di Milano”, aggiunge Pagano.

Il Segretario fornisce quindi una soluzione concreta al problema linguistico dell’Europa: “E’ la lingua federale che bisogna avere il coraggio di porre come soluzione politica alla tassa linguistica inglese promuovendo invece iniziative di valorizzazione internazionale della lingua e della cultura italiana, anziché l’assoggettamento di menti a favore dei madrelingua inglese”.

Roma, 22-11-2012




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.