Berberi: la musica e il canto per esprimere un’identità

E' ormai da più di cinquant'anni che Ahmed Essyad, di origine marocchina, compositore e specialista in musiche berbere, gira per le montagne dell'Atlante, con l'intento di studiare la musica amazigh (berbera) e tutti gli aspetti peculiari di una tradizione che, in quei luoghi, sembra essersi conservata intatta. Racconta Ahmed che tra le montagne e le valli dell'Atlante, la musica berbera e l'arte dell'espressione vocale vengono trasmessi da padre in figlio. Il suo lavoro ha un obiettivo: un progetto musicale che risalti le vere peculiarità delle tradizione berbera dal nome “I canti della Tassaout”. E' proprio nella catena montuosa dell'Atlante che è nata la cultura berbera in Marocco. E oggi questo tesoro inestimabile è minacciato dall'aspetto folkloristico che si è diffuso in numerosi festival canori nei grandi centri urbani e che sta operando, ma in maniera distorta, a sostenere la cultura berbera. La vera cultura berbera non è quella espressa nei luoghi turistici. La tradizione è conservata integra unicamente nei villaggi tra le montagne, laddove la cultura e il senso di identità si tramandano di generazione in generazione.

Per maggiori informazioni: Settimanale “Internazionale”, n. 703, anno 14. Articolo, “Un Tesoro di Suoni” di Olivier Piot, Ulysse, Francia; pagg.62-64

Questo messaggio è stato modificato da: giovanna_gnerre, 30 Lug 2007 – 04:03 [addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.