Berberi in Libia

Berberi in Libia

Sul Corriere della Sera di oggi, un articolo di Gian Antonio Stella, citando ampiamente il comunicato firmato dal Professor Vermondo Brugnatelli, presidente dell’Associazione Culturale Berbera, informava delle condizioni dei Berberi libici.
Nel paese guidato da Muammar Gheddafi, la lingua berbera non é riconosciuta, né tanto meno insegnata, e ogni sua manifestazione viene perseguita, a cominciare dai nomi di persona, che sono vietati. La storia é insegnata a partire dall’arrivo degli Arabi (VII secolo).
Gian Antonio Stella ci ricorda, inoltre, la scomparsa di Amr K. al – Nami, grande studioso berbero del Gebel Nefusa, autore di importanti lavori sull’Islam ibadita.
Dal 1986 non si hanno sue notizie, ma probabilmente é stato imprigionato, torturato e fatto morire nelle carceri del regime.
L’Associazione Culturale Berbera esprime il proprio rammarico per il fatto che il governo italiano, accogliendo calorosamente il dittatore libico, non abbia fatto alcun cenno al disprezzo per i diritti Umani dei Berberi della Libia, e auspica che in futuro, anche questa importante questione venga presa in considerazione nei rapporti tra i due paesi.




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.