Benedetti traduttori!

Posted on in Politica e lingue 11 vedi

Per la diplomazia i traduttori, i supposti errori di traduzione, le sottigliezze semantiche sono provvidenziali.

L’ultimo caso e’ di questi giorni. Appena scoppiato “l’incidente Schultz” si era sentito qualche timido accenno a una possibile errata traduzione delle parole rivolte da Berlusconi al deputato tedesco, ma e’ sulla telefonata di scuse che il primo ministro italiano ha fatto a Schroeder che si sono esercitati fior di studiosi.

Conclusione: in tedesco, esprimere rammarico (come dice aver fatto Berlusconi) o chiedere scusa (com’ e’ l’interpretazione del cancelliere Schroeder ) e’ la stessa , identica cosa.

[addsig]




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.