Basta l’italiano per insegnare in Ticino

Posted on in Politica e lingue 26 vedi

TicinOnline.ch
MENDRISIO
Basta l’italiano per insegnare in Ticino

Accolto dal Tribunale cantonale amministrativo il ricorso di un docente di una scuola media
MENDRISIO – Con ogni probabilità sarà una sentenza destinata a fare giurisprudenza. Il TRAM (Tribunale cantonale amministrativo) ha infatti, accogliendo il ricorso di un docente di una scuola media, censurato la clausola dei requisiti linguistici, richiesti nei concorsi per l’insegnamento nella scuola pubblica, definita "discriminatoria".

"A mente di questo Tribunale il requisito linguistico viene imposto sistematicamente nell’ambito dei concorsi per l’assunzione di docenti, mentre è di principio assente per gli altri impieghi nella pubblica amministrazione".

Il Tribunale – come riporta il Corriere del Ticino – poi prosegue: "Se da un lato è corretto ed evidentemente giustificato richiedere al corpo insegnante ticinese la conoscenza della lingua italiana, da un altro lato esigere la conoscenza di ulteriori due lingue nazionali, pena l’esclusione anzitempo dal concorso, costituisce una misura decisamente inappropriata e sproporzionata, che comporta una limitazione troppo severa della professione e discrimina in modo ingiustificato i candidati "esterni", ossia quelli che non hanno seguito la formazione scolastica in Ticino".

Questa dunque la sentenza che accoglie il ricorso del docente di italiano della scuola media di Morbio Inferiore dopo l’esclusione dai colloqui previsti per un concorso del 26 gennaio indetto dalla Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport per la nomina di docenti per l’anno accademico in corso.

La condizione del bando infatti, secondo il TRAM, costituisce un ostacolo alla libera circolazione delle persone e penalizza i docenti desiderosi di lavorare in Ticino. Secondo il Tribunale, la conoscenza di due lingue in più costituisce semmai un plusvalore e un criterio preferenziale di selezione. Per tali ragioni il docente deve dunque essere ammesso alla gara cui intendeva partecipare.




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.