Augias, sold out al Giardino delle Idee: Arezzo gloriosa, è una delle patrie della lingua italiana

Posted on in Politica e lingue 19 vedi

Il pubblico delle grandi occasioni ha accolto l'edizione invernale del Giardino delle Idee. Sold out per l'incontro con il giornalista e scrittore Corrado Augias: c'erano persone nelle sedie, in piedi e sedute per terra. E sono stati 150 gli aretini non sono riusciti ad entrare nella sala delle Muse del Museo d'arte Medievale e Moderna.
Uno scroscio di applausi è deflagrato all'ingresso del giornalista e poi silenzio: in centinaia sono rimasti ad ascoltarlo mentre svelava "I segreti d'Italia" raccontati nel suo ultimo libro.
Un'opera nella quale Augias tratteggia la doppia faccia del nostro Paese. Quella buona, onesta, umile e rispettosa delle leggi che si incontra nel libro Cuore di De Amicis. E quella più furba, sprezzante delle regole, amante della vita sregolata che si legge nel Piacere di D'Annunzio. Un Paese ambiguo, la cui storia è raccontata attraverso episodi ambientati in tanti angoli d'Italia.
"Per questo io preferisco definire il libro 'romanzo di una Nazione'. Non è un saggio, è una narrazione di luoghi e incontri scelti tra mille episodi che avrei potuto approfondire".
La storia d'Italia è l'insieme delle storie dei suoi luoghi. Tra questi anche Arezzo che lei ha definito in una recente intervista una "città gloriosa". A cosa è dovuto l'onore di questa definizione?
"La ragione prima è la lingua. Questa città è una delle patrie della lingua italiana. Ci lamentiamo sempre di avere un debole senso dell'identità. Ma è a cominciare dalla lingua che si risale all'identità di un luogo".
Ma tra i segreti d'Italia, in futuro, se ne potrebbe inserire anche uno aretino?
"Difficile da dire, scrivere questo libro è stato faticosissimo: selezionare il materiale, scegliere luoghi non troppo logorati della frequenza di visitatori è stato un lavoro intenso. Per Arezzo ci vorrebbero mesi di impegno".
Qual è il segreto dei segreti?
"E' il perché siamo quello che siamo, ovvero un Paese ambiguo dalla doppia faccia: quella onesta e rispettosa delle leggi e quella invece pià furba e sregolata".
Tra i segreti che lei racconta, ce n'è stato uno che al momento della scrittura l'ha coinvolto di più?
"In realtà sono legato a tutti, perché il libro è un insieme di vicende realmete accadute, ricordi personali, incontri intellettuali, opere d'arte. Un romanzo dove tutto quello che è raccontato è verità".

Al termine dell'incontro ancora tanti applausi e poi una fila infinta di aretini in coda per farsi autografare il libro. In una sola serata sono state vendute 110 copie. A comprarle lettori di tutte le età. Compresi tantissimi giovani.

(da http://www.arezzonotizie.it, 30 settembre 2012)




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.