Ancora Galli Della Loggia

Posted on in Politica e lingue 5 vedi

CALENDARIO

GOODBYE ITALY

di Ernesto Galli Della Loggia

Non mi piace l’idea della Luiss – cioè dell’Università privata della Confindustria (per dirla in breve) – di aprire a Roma anche un liceo, o per dir meglio una «high school», visto che la lingua in cui si terranno tutti gli insegnamenti di quella scuola sarà l’inglese. È necessario premettere che non ho proprio nulla, neppure politicamente (anzi!) contro il mondo anglosassone e la sua cultura? Ma qui è in gioco qualcos’ altro, riassumibile in una domanda: le classi dirigenti italiane, dell’economia, delle professioni e dell’amministrazione, vogliono restare italiane o preferiscono assomigliare a quelle del Libano o del Costa Rica? E vogliono che continui ad esistere un Paese chiamato Italia o pensano di farne a meno? Perché di questo, caro presidente Montezemolo, si tratta: essere italiani significa innanzi tutto conoscere la lingua, la storia, la cultura italiana; apprenderle a scuola. Una villa a Cortina o un posto barca a Porto Cervo può acquistarli chiunque.

Dal Corriere della Sera, 24/8/2007).

[addsig]




1 Commenti

Daniela Giglioli
Daniela Giglioli

CALENDARIO<br /><br />
<br /><br />
GOODBYE ITALY<br /><br />
<br /><br />
di Ernesto Galli Della Loggia<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
<br /><br />
Non mi piace l'idea della Luiss - cioè dell'Università privata della Confindustria (per dirla in breve) - di aprire a Roma anche un liceo, o per dir meglio una «high school», visto che la lingua in cui si terranno tutti gli insegnamenti di quella scuola sarà l’inglese. È necessario premettere che non ho proprio nulla, neppure politicamente (anzi!) contro il mondo anglosassone e la sua cultura? Ma qui è in gioco qualcos' altro, riassumibile in una domanda: le classi dirigenti italiane, dell'economia, delle professioni e dell'amministrazione, vogliono restare italiane o preferiscono assomigliare a quelle del Libano o del Costa Rica? E vogliono che continui ad esistere un Paese chiamato Italia o pensano di farne a meno? Perché di questo, caro presidente Montezemolo, si tratta: essere italiani significa innanzi tutto conoscere la lingua, la storia, la cultura italiana; apprenderle a scuola. Una villa a Cortina o un posto barca a Porto Cervo può acquistarli chiunque.<br /><br />
Dal Corriere della Sera, 24/8/2007).<br /><br />
<br /><br />
[addsig]

You need or account to post comment.