Amazon discrimina l’Italia

Posted on in Politica e lingue 10 vedi

Amazon e l’italiano.

27 dicembre 2012, ore 16.30. Dopo avere cercato per circa un’ora di abilitare la funzione “da testo a voce” sul nuovo ebook reader di Amazon, Kindle Fire HD (il prodotto di fascia più alta tra quelli proposti da Amazon), mi accorgo che tale funzione è disponibile solo per i libri elettronici in lingua inglese. Per essere sicura di non avere comprato dei libri che casualmente, vuoi per obsolescenza o per altri motivi, non hanno la versione “ascoltabile” integrata, cerco sul sito ulteriori testi in italiano facendo attenzione alla funzione che voglio utilizzare sul mio nuovo gioiellino elettronico. Questa informazione, apparentemente non e’ disponibile. Allora, decido di contattare il servizio clienti di Amazon Italia, che dopo avere accertato che sono la reale utilizzatrice del lettore, mi conferma che la funzione “da testo a voce” non è assolutamente disponibile su testi italiani, ma solamente su testi inglesi. Ora, Amazon è recentemente approdata in Italia, tra l’altro con molti squilli di tromba, e subito dopo l’apertura del sito in italiano, ha aperto un centro logistico nelle vicinanze di Piacenza.
Mi viene da chiedere, a questo punto, perché l’Italia, gli italiani, la lingua italiana, vanno bene per fare affari, arricchirsi, pagare poche tasse (visto che la sede è in Lussemburgo), ma non sono meritevoli dell’attenzione e del rispetto che meritano. Credo che in seguito a questo grave atto di discriminazione linguistica, Amazon dovrebbe correre ai ripari, risolvendo al più presto il problema, e manifestando le proprie scuse alla cittadinanza italiana che permette a questi colossi di arricchirsi senza eccepire null’altro, se non il rispetto che la nostra lingua e la nostra cultura pretende.




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.