A Salice lo spread spiegato ai cittadini

Posted on in Politica e lingue 14 vedi

CONVEGNO NEL WEEKEND

A Salice lo spread spiegato ai cittadini

di Giacomo Ferrari

Lo spread? Una diavoleria di cui tutti parlano ma che, al di fuori della ristretta cerchia degli esperti, pochi conoscono a fondo. È solo un esempio. Che dire dei tanti altri termini (tutti ovviamente in inglese, la lingua della finanza) entrati nel linguaggio di tutti i giorni ma il cui significato sfugge ai più? Eppure, dietro le parole ci sono fenomeni, meccanismi e realtà che toccano le nostre tasche. Per scoprire come, ecco il primo evento costruito non per gli addetti ai lavori, ma per i cittadini. L’appuntamento, organizzato da Assofinance, l’associazione dei consulenti finanziari indipendenti, è per venerdì, sabato e domenica prossimi a Salice Terme. Si chiama «La finanza in piazza» e mai titolo fu più azzeccato. Saranno tre giorni densi di dibattiti e iniziative, che vedranno protagonisti soprattutto i cittadini. «Per la prima volta in Europa – spiega Giannina Puddu, presidente di Assofinance -, operatori ed economisti si mettono a nudo, scendendo tra la gente». La finanza condiziona la nostra vita e tutti hanno diritto di criticare e fare proposte per cambiare dal basso un sistema che in troppe occasioni ha mostrato lacune e comportamenti colpevoli. Da crocevia del benessere e delle acque miracolose, insomma, Salice Terme si trasformerà per un lungo weekend nella capitale della finanza spiegata al popolo. Economisti come Cesare Vaciago, Salvatore Bragantini, Filippo Cavazzuti, Giuseppe Santorsola, Alain Chevalier, tanto per fare qualche nome, si offriranno al fuoco di fila delle domande del pubblico. Lo scenario? Il parco secolare di Salice Terme, ai piedi della quercia dedicata ad Ada Negri, la poetessa che qui si rifugiava per ritemprarsi e trovare l’ispirazione. E se fosse proprio la poesia a suggerire soluzioni ai «soloni» dell’economia?
(Dal Corriere della Sera, 12/9/2012).




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.