26 settembre: bandiere a mezz’asta o listate a lutto a finestre e balconi

Posted on in Dillo in Italiano 5 vedi

Dichiarazione di Giorgio Pagano

Giornata europea delle lingue: bandiere a mezz’asta o listate a lutto a finestre e balconi.

Dal 26 settembre 2010 nell’Unione europea continentale la Festa delle lingue europee dovrebbe essere una giornata di lutto. In realtà c’è solo una lingua che fa festa, l’inglese, e che sta facendo la festa a tutte le altre lingue del continente europeo.

La Ministra Gelmini, più della Moratti, porta la più grande responsabilità nella distruzione dell’identità linguistica italiana e, conseguentemente, del Paese. L’inglese dal 2010 in modo particolare non è più una lingua straniera è divenuta un sistema di occupazione. Occupazione linguistica straniera del Paese.

La triarchia linguistica inglese, francese e tedesco assicurata poi in Europa dalla recente sentenza del Tribunale della Corte di giustizia del Lussemburgo sui bandi di concorso comunitari ha preparato il terreno per la “soluzione finale” la monarchia linguistica incostituzionale inglese nell’Unione europea.

Il 26 settembre, pertanto, deve essere una giornata di lutto per le lingue europee diverse dall’inglese e, da questo 2010, dobbiamo ricordarlo con le bandiere a mezz’asta o listate a lutto a finestre e balconi. 
Fintanto che non avremo l’Esperanto come lingua federale europea con la conseguente libertà di tempo e danaro per apprendere la lingua straniera che più ci piace o di non apprenderne alcuna se le lingue straniere non c’interessano. Libertà linguistica di cui l’Europa potrà essere esempio per il mondo intero.

Roma, 26 settembre 2010




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.