25 aprile 2015: 28 anni di Resistenza linguistica.

Posted on in L'ERA comunica 23 vedi

25 aprile 2015: 28 anni di Resistenza linguistica.

Le annessioni del mondo postmoderno sono linguistiche, gli Imperi sono della mente. Le forme di schiavismo sono mentali. La coercizione si esercita attraverso la manipolazione della mente, dell’immaginario personale e collettivo. Anzitutto attraverso i media.
Se il secolo scorso è stato devastato dal mito della superazza, quella ariana, questo lo è dal mito della superlingua, quella inglese, e il genocidio da fisico diviene mentale, anziché riguardare pochi popoli ed etnie riguarda tutti i popoli non anglofoni. Riguarda l’intero popolo italiano e gli 80 milioni della diaspora italiana nel mondo.
La dittatura della lingua inglese che classi dirigenti corrotte anche linguisticamente impongono ai propri popoli drena risorse economiche e culturali di ciascun popolo veicolandole verso i 2 principali sostenitori del dominio linguistico inglese sul mondo: quello statunitense e quello britannico.
I tedeschi che occuparono la Francia NON costrinsero i francesi ad imparare obbligatoriamente il tedesco, la Repubblica connivente di Vichy NON si sognò nemmeno di rendere obbligatorio il tedesco nel sistema scolastico francese.
Invece nel “Disegno di legge recante riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione, con delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, è prevista la messa a regime dell’insegnamento obbligatorio, dalle elementari alle superiori, di una qualsiasi materia  in lingua inglese con la sola esclusione di lingua e letteratura italiana, prevedendo persino per le elementari l’assunzione di lingua madre inglese o il ricorso alla fornitura di appositi servizi. 
Prendendo in esame anche solo 20 delle materie insegnabili in inglese (in realtà sono molte di più) e la necessità di un solo libro a materia, con un costo standard di 20 €,  moltiplicando il tutto per i 3 milioni di studenti interessati dal provvedimento la sola perdita editoriale in italiano che passa all’anglofonia è di 1 miliardo e 200 milioni.
L’ERA è l’unica organizzazione al mondo che si batte per il diritto dei popoli a pensare nella loro lingua sentendosi anche appartenenti alla specie umana, e non annessi a paesi che esercitano il dominio linguistico dell’umanità- Per questo si batte per l’adozione mondiale della Lingua Internazionale (detta Esperanto). 

Dacci forza, associati all’ERA, donaci il 5 tuo per mille: queste sono le priorità dell’ERA del 2015.

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.