23.000 $ perché accada ciò che non è accaduto per 128 anni. Partecipi?

Posted on in L'ERA comunica 24 vedi

23.000 $ perché accada ciò che non è accaduto per 128 anni. Partecipi?
Aperta su life.indiegogo.com la campagna mondiale di autofinanziameno.

Con l’essenziale aiuto di molte delle Missioni permanenti e delle organizzazioni accreditate alle Nazioni Unite abbiamo allargato la sfera dei diritti umani nel mondo, dalla moratoria sulla pena di morte al tribunale internazionale contro i crimini di guerra, alla messa al bando delle mutilazioni genitali femminili.

Oggi affermare la democrazia, la nonviolenza e la giustizia linguistica internazionale è obiettivo non più rinviabile. È urgente spegnere gl’incendi che vanno divampando nel mondo. Incendi tra popoli, individui, religioni, ed affermare il diritto dei popoli e della persona, alla lingua comune della razza umana.

Tutte le specie animali hanno una lingua comune, forse anche le piante… La specie umana no! Però pur non avendo né ali, né branchie, né gambe particolarmente forti, oggi l’uomo viaggia nello spazio, scende nelle profondità marine, corre veloce sulla terra più di qualsiasi essere vivente ma, appunto, non ha una lingua comune in quanto specie umana e, il non averla, costringe ciascun popolo a subire linguisticamente la legge del “più forte” che, spesso, vuole ergersi a “più giusto”.

Una lingua delle Nazioni Unite che, con semplicità, rapidità e senso di giustizia, divenga fautrice di emancipazione, di pace e fratellanza, di nonviolenza, per una nuova epoca di sviluppo mondiale.

Queste non sono solo “belle parole”, dal momento che abbiamo già avviato, con successo, l’applicazione di due dichiarazioni, una orale e una scritta, al ” High Level Political Forum on Sustainable Development”, in relazione agli “obiettivi del millennio” post-2015.

Il HLPF 2015 si terrà dal 26 giugno-8 luglio presso le Nazioni Unite per le ONG che hanno mostrato interesse e sono accreditati, mentre, presto a seguire, e sempre in relazione agli obiettivi da definire per lo sviluppo sostenibile post-2015, seguiranno altri appuntamenti, come l’Annual Ministerial Review, con la prosecuzione dei negoziati intergovernativi fino al 31 agosto per condurre al finale Vertice delle Nazioni Unite per l’adozione del programma di sviluppo post-2015 a fine settembre.

Entrambi gli interventi, orali e scritte, sono state già accettati dal sistema delle Nazioni Unite in preparazione della riunione. Ora abbiamo bisogno di informare le altre organizzazioni, chiedendo per il loro supporto e / o il dialogo, così come informare le Missioni dei vari paesi chiedendo ugualmente dialogo, ma, soprattutto, la volontà di sostenere la tesi presentata dal PRNTT per la riunione intergovernativa nei primi mesi luglio.

Per assicurare la pace, la fratellanza ed il benessere all’umanità l’organizzazione progenitrice delle Nazioni Unite, la League of Nations vide all’opera durante le prime due Assemblee Generali, i delegati di Brasile, Belgio, Cile, Cina, Colombia, Cecoslovacchia (oggi Slovacchia e Repubblica Ceca), Haiti, Italia, Giappone, India, Persia (oggi Iran), Polonia, Romania e Sud Africa portare avanti risoluzioni che suggerivano alla Lega delle Nazioni di raccomandare universalmente l’insegnamento dell’Esperanto nelle scuole come lingua internazionale ausiliaria. La maggioranza dei Paesi membri era favorevole all’adozione della Lingua Internazionale (detta Esperanto) come lingua di lavoro, tuttavia il veto della Francia (il francese era la lingua della diplomazia in quegli anni) impedì la realizzazione di tale progetto ma, comunque, nel 1922 la Lega delle Nazioni approvò unanimemente durante la sua terza Assemblea Generale il Rapporto sull’Esperanto as an International Auxiliary Language che vide anche il supporto convinto di Lord Robert Cecil, insignito del Nobel della Pace nel 1937.

Il 27 aprile 2015 abbiamo ripreso quel cammino alle Nazioni Unite e, ora, ciò di cui abbiamo bisogno urgentemente è l’aiuto economico che ci metta in condizione di proseguire nell’iniziativa avviata: di contattare via fax, e-mail, telefono e cercare di incontrare fisicamente a New York 193 Missioni permanenti e più di 140 ONG accreditate all’Ecosoc delle Nazioni Unite e spiegare il motivo per cui noi, la specie umana, abbiamo bisogno di una lingua comune. Subito!

Campagna del Partito Radicale Nonviolento transnazionale e transpartito e dell’ERA onlus

https://life.indiegogo.com/fundraisers/esperanto-as-right-of-the-human-species-to-onu–2

 




0 Commenti

Ancora non ci sono commenti
Lasciane uno tu per primo!
You need or account to post comment.